Economia

Il Consiglio dei ministri esamina il Recovery plan. Ecco cosa contiene

L'impatto sul Pil vale 3,6 punti percentuali. Il 40 per cento circa delle risorse del Pnrr sono destinate al Mezzogiorno, il 38 per cento al green e il 25 per cento al digitale. Non verrà prorogato il Superbonus, restano ancora alcuni nodi da sciogliere. Il varo entro il 30 aprile

Draghi: il Recovery Plan è la sfida per un Paese più moderno

Il premier: prevista una spinta al Pil del 3,6%nel 2026. Il 40% delle risorse al Sud, il 38% al green e il 25% al digitale. "L'Italia non è necessariamente destinata al declino", si legge nella bozza del piano. La supervisione affidata a un comitato istituito presso la Presidenza del Consiglio