L'ex partron del Milan è inaffidabile. Ora è ufficiale

Li Yonghong è finito nelle grinfie di un tribunale locale che lo ha inserito nella lista nera degli individui disonesti. Motivo? Diversi milioni di dollari di debiti non pagati

 

 

li yonghong milan
 Afp
 Li Yonghong

Da un po’ di tempo ci chiedevamo che fine avesse fatto l’ex proprietario cinese del Milan, Li Yonghong, dopo l'epilogo della sua controversa gestione del club rossonero, che aveva acquistato da Silvio Berlusconi con capitali dalla oscura provenienza. Le ultime notizie che arrivano dalla Cina ci dicono che Mr Li è finito nelle grinfie di un tribunale locale che lo ha inserito nella lista nera degli individui disonesti e inaffidabili. Motivo? Diversi milioni di dollari di debiti non pagati.

Il tribunale intermedio di Jingmen, segnala China Files, ha ordinato la confisca del suo passaporto, limitandone la possibilità di viaggiare su treni ad alta velocità e in aereo, soggiornare in hotel costosi o ricevere una carta di credito. Li è residente a Hong Kong sebbene non si sappia esattamente dove viva.

li yonghong milan
 Afp 
 Li Yonghong e Marco Fassone

Li Yonghong ha contratto un debito di 60 milioni di yuan (8,7 milioni di dollari) con una società di investimento della provincia centrale dello Hubei, Jingjiu Investment. Un debito che il misterioso uomo d’affari non ha ancora onorato. Non solo: su di lui grava anche una sanzione di 12 milioni di yuan. Le autorità cinesi non hanno trovato beni registrati a suo nome per procedere con il sequestro e hanno inserito l’uomo nella lista nera degli individui non affidabili.

Li, dopo un closing travagliato, rimasto solo, senza cordata, e inviso al governo cinese, nell’aprile del 2017 aveva acquistato il Milan per 740 milioni con un prestito del fondo americano Elliott. I dubbi sulla solidità del suo patrimonio finanziario, oggetto di numerose inchieste giornalistiche e di una indagine della procura di Milano, non sono mai stati fugati. Di più. L’imprenditore si è dissolto nel nulla, a caccia di nuovi finanziamenti, collezionando scadenze mancate giacché incapace di rimborsare l’hedge fund, che a luglio di quest’anno è subentrato nella proprietà della società calcistica.

Dopo almeno due anni di acquisti sfrenati, le autorità cinesi, preoccupate de un’ondata di investimenti “irrazionali”, hanno bloccato l’esportazione di capitali all’estero. Hanno in particolare frenato lo shopping cinese nelle squadre calcistiche straniere.

 

Leggi anche:

Già finita l'era cinese del Milan? Il fondo Elliott prende il controllo

Un anno dopo l'acquisizione del Milan non si è ancora capito da dove Li prenda i soldi

La procura di Milano indaga sulla vendita del Milan. Cosa sappiamo finora

Ecco i retroscena della manovra "per rovinare il Milan"

Davvero il Fondo Elliott sta per diventare proprietario del Milan?

Tutti i dubbi che restano da chiarire sul super calciomercato estivo del Milan

Tutto quello che volete sapere sulla vendita del Milan ai cinesi  è in un ebook



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it