Chi saranno i vincitori di Sanremo? Storia di Ermal Meta e Fabrizio Moro

I favoriti secondo i bookmaker. I due artisti hanno rischiato l'esclusione per plagio, adesso corrono per la vittoria. La loro storia

Chi saranno i vincitori di Sanremo? Storia di Ermal Meta e Fabrizio Moro

Ermal Meta e Fabrizio Moro, Lo Stato Sociale, Ron Max Gazzè: sono loro i favoriti della 68esima edizione del Festival di Sanremo secondo i bookmaker. I primi continuano a tenere banco in radio nonostante lo stop forzato: il duo è stato prima sospeso dalla gara e poi riammesso per valutare se il loro brano “Non mi avete fatto niente" fosse davvero un plagio di “Slenzio”, una canzone presentata 3 anni fa a Sanremo dallo stesso autore, Andrea Fabo.

La giuria ha deciso che il brano di Meta e Moro è “nuovo” e loro proseguono a vele spiegate verso la vittoria. Non così facilmente però: dovranno vedersela con lo Stato Sociale che prima di quest’anno non aveva mai calcato l’Ariston. La loro “Una vita in vacanza” piace al punto da restare ancorata al secondo posto tra brani sanremesi con più passaggi in radio. Tra quelli destinati a diventare tormentoni Ron - almeno per ora - è solo nono, ma per Snai sarà lui a combattere per la vittoria. Ma chi sono i tre favoriti? 

Ermal Meta e Fabrizio Moro: il sodalizio tra i due artisti nasce con la partecipazione alla 68esima edizione di Sanremo, dove i due portano sul palco il brano “Non mi avete fatto niente” dai due dopo l'attentato di Manchester al concerto di Ariana Grande.

Classe 1981, Meta è un cantautore e compositore albanese naturalizzato italiano. A 13 anni lascia l’Albania e si trasferisce a Bari con la mamma, il fratello e la sorella, troncando ogni rapporto con un padre violento. Cresciuto ascoltando musica classica (la madre è violinista professionista), comincia a suonare a 16 anni pianoforte e chitarra e dopo qualche esperienza approda nel gruppo Ameba 4 come chitarrista. Insieme prendono parte al Festival di Sanremo 2006 nella sezione Giovani con il brano “Rido... forse mi sbaglio”, venendo tuttavia eliminato alla prima serata. 

Poco dopo la band si scioglie. Nel 2007 Meta fonda il suo gruppo La Fame di Camilla con il quale realizza i tre album in studio “La Fame di Camilla” (2009) “Buio e luce” (2010) e “L’attesa" (2012). Non reggeranno e Meta inizierà a scrivere brani per molti interpreti italiani, tra cui Emma, Francesco Renga, Patty Pravo, Chiara, Marco Mengoni, Francesca Michielin, Francesco Sarcina, Giusy Ferreri, Lorenzo Fragola. Nel 2016 Meta vene selezionato per partecipare al Festival d Sanremo 2016 tra gli emergenti. Il 5 febbraio 2016 pubblica il suo primo album in studio, intitolato “Umano” e che ha debuttato alla 45ª posizione degli album più venduti in Italia. Torna sul palco dell’Ariston anche l’anno successivo, questa volta tra i big, con il singolo “Vietato morire”.

Nato a Roma nel 1975 da genitori calabresi, Fabrizio Moro vanta 21 anni di carriera, 11 album, di cui nove album di inediti, un album dal vivo, un album raccolta e 22 singoli, vendendo svariate centinaia di migliaia di dischi, 390.000 dei quali certificati, di cui più di 255.000 copie come cantautore, ed ulteriori 135.000 copie come autore, ottenendo complessivamente sette dischi di platino e tre dischi d’oro.

L’Ariston è un pò la sua seconda casa: ha partecipato a cinque Festival di Sanremo come cantautore, con i brani “Un giorno senza fine” nel 2000, “Pensa” nel 2007, vincendo la gara nella sezione Giovani ed il relativo Premio della Critica del Festival della Canzone Italiana Mia Martini conquistando il podio e classificandosi al terzo posto. Tornerà nel 2008 con “Non è una canzone” nel 2010 e “Portami via” nel 2017. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it