Ancora tre giorni di disagi sulla linea ferroviaria ad alta velocità tra Napoli e Roma

Ancora tre giorni di disagi sulla linea ferroviaria ad alta velocità tra Napoli e Roma

È stato dissequestrato il tratto su cui è deragliato un Frecciarossa. Restano invece sotto sequestro un pezzo di rotaia deformato che verrà tagliato e asportato per consentire ulteriori verifiche, il locomotore posteriore danneggiato e deragliato e il locomotore anteriore

dissequestrato tratto alta velocita Roma deragliato Frecciarossa

© Agf - Il Frecciarossa deragliato a Roma

AGI - È stata dissequestrata, come anticipato ieri dall'AGI, l'area dell'incidente ferroviario avvenuto nella galleria della Serenissima, a Roma. L'atto è stato notificato dai pm della Capitale.Tolti dunque i 'sigilli' ai binari: nelle prossime ore l'infrastruttura ferroviaria - grazie ai tecnici Rfi - potrà tornare alla normalità, così come la circolazione.

Restano invece sotto sequestro un pezzo di rotaia deformato che verrà tagliato e asportato per consentire ulteriori verifiche, il locomotore posteriore danneggiato e deragliato e il locomotore anteriore. Dissequestrate anche le relative 11 carrozze dei viaggiatori.

Intanto i pm della Capitale in relazione all'incidente che ha visto protagonista un treno 9311 della Torino-Napoli hanno aperto un procedimento per delitti colposi di pericolo, articolo 450 del codice penale, a carico di ignoti. Gli inquirenti hanno anche disposto una consulenza tecnica su quanto avvenuto. 

Quando si tornerà alla normalità

Le prime attività di ripristino della linea ad alta velocità Roma-Napoli, nei pressi di Roma Prenestina, sono iniziate nel pomeriggio di oggi dopo il dissequestro. Si stima che in circa tre giorni sarà possibile riavviare la circolazione ferroviaria su entrambi i binari del tratto interessato.

I treni AV continuano a percorrere gli itinerari alternativi via Formia e via Cassino con allungamento dei relativi tempi di viaggio. È in corso la riprogrammazione del Trasporto Regionale, il cui programma di dettaglio sarà pubblicato nelle prossime ore su tutti i canali di informazione di Trenitalia.