La gloria dello sci italiano è nelle mani di 3 ragazze. A partire da Sofia Goggia

E' la prima atleta azzurra a regalare all'Italia un oro olimpico nella discesa. Ed è la punta di diamante di un terzetto da favola

La gloria dello sci italiano è nelle mani di 3 ragazze. A partire da Sofia Goggia
 Martin Bernetti / Afp
 Sofia Goggia

Sofia Goggia ha fatto la storia dello sci italiano. Con una prova strepitosa l'atleta azzurra ha vinto la discesa libera femminile alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang. Pettorale numero cinque, ha battuto l'amica favoritissima, l'americana Lindsey Vonn, che e' arrivata solo terza. E si è lasciata alle spalle, 9 centesimi davanti, la norvegese Ragnhild Mowinckel, medaglia d'argento. E' la prima italiana nella storia a vincere un oro Olimpico nella discesa. Sofia ha detto di sentirsi come "una samurai", dopo aver tagliato il traguardo con 1 minuto e 39.22 secondi. 

Chi è Sofia Goggia

nata a Bergamo il 15 novembre 1992. Ha iniziato a sciare a Foppolo fin da giovanissima, all’età di 3 anni, e da allora non si è più fermata nonostante alcuni gravi infortuni l'abbiano frenata in più occasioni. Oggi Sofia, che fa parte del Gruppo Sportivo Fiamme Gialle, è una sciatrice potente e polivalente, caratteristiche che le consentono di esprimersi ad alto livello in tutte le discipline dello sci alpino. Una peculiarità che le può consentire di puntare alla vittoria della Coppa del Mondo Generale.

La gloria dello sci italiano è nelle mani di 3 ragazze. A partire da Sofia Goggia
Frank Hoermann / SVEN SIMON / SVEN SIMON / DPA 
 Sofia Goggia

La quattro differenti specialità che la vedono protagonista sono: Discesa, SuperG, Gigante e Combinata. Il suo esordio in Coppa del Mondo risale al 2011, e da allora Sofia ha continuato costantemente a migliorarsi, arrivando a essere oggi una delle principali protagoniste del circo bianco. Nella stagione 2016/2017 ha conquistato la medaglia di bronzo in Gigante ai Mondiali di Saint Moritz, mentre in Coppa del Mondo ha ottenuto 13 podi battendo il record di Debora Compagnoni di 11 podi in una sola stagione. Le sue due vittorie in Coppa del Mondo le ha ottenute a Jeongseon (Korea), in Discesa e SuperG. A queste si aggiungono i 6 secondi posti e i 5 terzi posti che le hanno permesso di conquistare 1197 punti nella Classifica Generale di Coppa del Mondo, terminando così la stagione al terzo posto assoluto.

Dopo un’annata ricca di grandi risultati ad attendere Sofia c'è una stagione altrettanto importante, che culminerà con le Olimpiadi Invernali di Pyeongchang (Corea del Sud) in programma dal 9 febbraio al 25 febbraio 2018. Studentessa di Scienze Politiche, la sua famiglia è composta da mamma Giuliana, insegnante, papà Ezio e il fratello Tommaso, entrambi ingegneri, e il suo cane di nome Belle.

Le altre regine delle nevi

 

Chi sono le tre 'regine delle nevi' che hanno portato lo sci italiano in vetta? Con quello di Sofia Goggia i nomi di Federica Brignone e Nadia Fanchini  destinati a restare nella storia per l'impresa compiuta a Bad Kleinkirchheim, dove hanno dipinto di azzurro il podio della discesa libera.

Negli annali resterà il loro inno di Mameli cantato a squarciagola e stonando senza ritegno, piene di felicità e di orgoglio 

Federica Brignone

E' nata a Milano 25 anni fa ma abita, da quando ha 6 anni, a La Salle, in Valle d’Aosta. E' figlia d’arte: la madre, Ninna Quario, è stata una delle componenti della Valanga Rosa a cavallo tra anni Settanta e Ottanta. Specialista nello slalom gigante (nel quale è stata vice-campionessa mondiale a Garmisch-Partenkirchen nel 2011), durante la sua carriera ha avuto modo di perfezionarsi molto anche nelle discipline veloci, ottenendo ottimi risultati in discesa libera e in super gigante. 

Il 17 dicembre 2012 la sua carriera ha subito un'interruzione, poiché ha deciso di operarsi per la rimozione di una ciste al malleolo che le procurava problemi da tempo[3]. È rientrata nella stagione 2013-2014 partecipando alla gara di gigante svoltasi a Sölden il 26 ottobre 2013, classificandosi 25ª.

Ai XXII Giochi olimpici invernali di Soči 2014 si è classificata 11ª nella supercombinata e non ha concluso né lo slalom gigante né lo slalom speciale. Ai successivi Mondiali di Vail/Beaver Creek 2015 è stata 19ª nello slalom speciale e non ha completato lo slalom gigante, mentre il 24 ottobre 2015 ha conquistato la sua prima vittoria in Coppa del Mondo, aggiudicandosi lo slalom gigante di Sölden. Ai Mondiali di Sankt Moritz 2017 si è classificata 8ª nel supergigante, 4ª nello slalom gigante, 24ª nello slalom speciale e 7ª nella combinata.

Il 19 marzo 2017 si aggiudica lo slalom gigante di Aspen, davanti alle compagne Sofia Goggia e Marta Bassino, in uno storico podio tutto tricolore, il cui unico precedente risale allo slalom gigante di Narvik del 1996 (Compagnoni, Panzanini, Kostner).

Nadia Franchini

E' nata il 25 giugno 1986, abita in Provincia di Brescia a Montecampione di Artogne in Val Camonica, appartiene al gruppo sportivo delle Fiamme Gialle, fa parte della Nazionale Italiana di sci alpino dal 2003 ed ha esordito in Coppa del Mondo il 13 dicembre 2003 in Alta Badia. Proprio due giorni prima del trionfo di Bad Kleinkirchheim, la sorella Elena - campionessa di sci come Nadia e come la più piccola Sabrina - aveva annunciato uno stop alle gare e agli allenamenti per curare un tumore.

Il primo podio in Coppa del Mondo lo ha ottenuto il 1 dicembre 2006 piazzandosi al terzo posto nella discesa libera di Lake Louise; sulla stessa pista, il 6 dicembre 2008, all’81esima gara di Coppa del Mondo della sua carriera, vince per la prima vittoria in Supergigante, dopo il secondo posto nella discesa di due giorni prima. La vittoria di un’italiana in supergigante mancava dal marzo 2003 (Karen Putzer a Lillehammer). Anche la sorella Elena aveva vinto a Lake Louise nel dicembre 2005 la sua prima gara di Coppa del Mondo.

Ai Mondiali in Val d’Isère del febbraio 2009 ha ottenuto un nono posto nel supergigante vinto dalla statunitense Lindsey Vonn, mentre nella discesa libera, vinta sempre dalla Vonn, è arrivata terza conquistando la medaglia di bronzo. Alla fine della stagione ha chiuso nona nella Coppa generale di Coppa del Mondo ma seconda nella classifica di supergigante, perdendo la Coppa di specialità proprio all’ultima gara.

Durante il supergigante di St. Moritz del 31 gennaio 2010, Nadia Fanchini è stata protagonista di una rovinosa caduta; nell’impatto con una porta ha riportato la lesione di entrambi i legamenti crociati e collaterali delle ginocchia. È questo l’infortunio più grave patito dalla sciatrice in carriera, che le ha impedito di partecipare alle Olimpiadi di Vancouver 2010.

In questa triste occasione passò alla “storia” la sua telefonata per tranquillizzare la sorella che sarebbe dovuta partire dopo di lei. Ancora dolorante mentre veniva soccorsa le riferì che non si trattava di nulla di grave e le diede anche preziosi consigli su come affrontare il tracciato.

La tenacia di Nadia nella lotta contro la sfortuna è famosa in tutto il Mondo, si è allenata alacremente per convincere i tecnici azzurri a disputare il 21 gennaio 2012 a Kraniska Gora (SLO) lo Slalom Gigante di Coppa del Mondo. Nella circostanza ha gareggiato per la prima volta insieme alla sorella Sabrina, avventura che si sta poi protraendo per tutta la stagione sia in Coppa del Mondo che in Coppa Europa.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it