Con il partner a fianco si dorme meglio, e la memoria migliora

Con il partner a fianco si dorme meglio, e la memoria migliora

La ricerca di un centro psichiatrico tedesco dimostra che la fase denominata Rapid Eye Movement (REM) aumenta significativamente quando le coppie condividono il letto

dormire con partner migliora sonno memoria

© AFP - Dormire con il partner migliora la qualità del sonno

AGI - Le coppie che trascorrono la notte nello stesso letto tendono a migliorare la qualità del sonno, con benefici nella memoria e nelle capacità di problem-solving. Lo suggeriscono in un articolo pubblicato sulla rivista Frontiers in Psychiatry gli esperti del Center for Integrative Psychiatry (ZIP), in Germania, che hanno studiato gli effetti del sonno individuale e di coppia, valutando non solo i movimenti, ma la durata e la profondità delle varie fasi.

“Abbiamo analizzato 12 coppie giovani, sane ed eterosessuali che hanno trascorso quattro notti nel laboratorio del sonno, misurando i parametri sia in presenza che in assenza del partner utilizzando la doppia polisonnografia simultanea, un metodo estremamente preciso, dettagliato e completo per studiare il sonno in maniera multilivello”, spiega Henning Johannes Drews del Center for Integrative Psychiatry, precisando che il suo team ha analizzato onde cerebrali, movimenti, respirazione, tensione muscolare e attività cardiaca.

“Abbiamo sottoposto dei questionari alle coppie per avere informazioni sulle caratteristiche delle relazioni, incluse durata, coinvolgimento passionale o livello di intimità. I nostri risultati mostrano che la fase denominata Rapid Eye Movement (REM) aumentava significativamente quando le coppie condividevano il letto”, prosegue il ricercatore, ricordando che la fase REM è quella associata ai sogni vividi, ed è stata collegata alla regolazione delle emozioni, al consolidamento della memoria, alle interazioni sociali e alla risoluzione dei problemi creativi.

“Il nostro lavoro mostra che le coppie riescono a sincronizzare gli schemi del sonno quando dormono insieme, non perché il movimento fisico di un partner influenzi il sonno dell’altro, è semplicemente una misura della profondità della relazione”, osserva ancora Drews, precisando che esistono ancora diversi interrogativi legati all’argomento. “Il prossimo passo sarà diversificare il campione e osservare se e in che misura si riscontrano questi effetti, ma dormire con un partner potrebbe effettivamente migliorare la salute mentale della coppia”, conclude l’esperto.