Un miliardo per "aiutarli a casa loro". Il piano di Salvini per l'Africa

"Quello che non ha fatto il Pd in anni di governo lo farà la Lega", ha dichiarato il vicepremier

salvini piano africa
 Vasily Maximov / AFP
 Salvini

Un progetto per mettere in pratica l'ormai abusato detto "aiutiamoli a casa loro": un investimento concreto, ingente, per lo sviluppo dell'economia africana, e insieme il dialogo e la cooperazione con i paesi africani più direttamente coinvolti.

È il nuovo piano migranti che il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha in cantiere: dopo la fase dei porti chiusi e delle navi bloccate al largo si passerà dunque a un progetto strutturale, che coinvolga Tunisia, Marocco e Algeria (Paesi non a caso citati oggi da Salvini come prossime destinazioni di viaggi istituzionali) e soprattutto stanzi un fondo di "almeno 1 miliardo per il sostegno all'economia e al lavoro in quei Paesi. Quello che non ha fatto il Pd in anni di governo lo farà la Lega", ha scandito il ministro a Sky Tg24.

Il piano non sarà il cuore del decreto sicurezza, come spiegato dallo stesso Salvini: "Voglio fare un decreto sicurezza ampio. Rimpatri veloci, riduzione costi 35 euro al giorno, revisione accordi con i Paesi da cui arrivano". A oggi, ha ricordato, "abbiamo accordi con 4 Paesi. Funziona quello con la Tunisia". Non a caso "sono arrivati oggi 135 tunisini con dei barchini a Lampedusa. Sappiano che hanno speso male i soldi e ritorneranno a casa".

La linea dunque è tracciata: fermare gli sbarchi a valle ma soprattutto a monte, creando le condizioni affinché queste persone non siano costrette più a lasciare la propria terra. All'insegna della difesa dei confini, come ribadito da Salvini anche oggi: "Un gruppo di avvocati vuole denunciarmi per 'attentato alla Costituzione'. Incredibile. Continuerò a fare quello che gli italiani mi hanno chiesto: difendere i confini, garantire la sicurezza del Paese, fermare il business dell'immigrazione clandestina".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.