Il governo va allo scontro sui fondi all'Europa

Il vertice tra gli sherpa a Bruxelles sulla ripartizione dei migranti a bordo della Diciotti​ si risolve in un nulla di fatto. Conte: "Ne trarremo le conseguenze". Di Maio: "Non siamo più disposti a dare i 20 miliardi che pretendono". E il commissario Oettinger avverte: si rischiano sanzioni

Il governo va allo scontro sui fondi all'Europa

È scontro tra Italia ed Europa sulla questione migranti. A Bruxelles il vertice tecnico dei 12 stati membri convocato dalla Commissione europea ha prodotto un nulla di fatto: nessun accordo è stato trovato sulla ripartizione dei 150 migranti presenti a bordo della nave Diciotti ferma al porto di Catania da 4 giorni. E secondo quanto trapelato, nel corso della riunione a porte chiuse, si sarebbe parlato di un'"Italia isolata" anche perché "i ricatti del governo hanno peggiorato il clima". E lo scontro si sposta sulla quota di fondi che l'Italia paga alla Ue. "Non siamo più disposti a dare i 20 miliardi che pretendono", tuona il vicepremier Luigi Di Maio.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte affida a Facebook la posizione del governo: "L'Italia ne trarrà le conseguenze - avverte - e, d'ora in poi, si farà carico di eliminare questa discrasia" che c'è "tra parole e fatti, che trascolora in ipocrisia perseguendo un quadro coerente e determinato d'azione per tutte le questioni che sarà chiamata ad affrontare in Europa". 

L'Italia, dunque, ne trarrà le conseguenze. Come? Secondo quanto si apprende, il governo esclude l'ipotesi di 'Italexit' - come detto dallo stesso Luigi Di Maio stamattina - anche se l'orientamento è di mettersi di traverso e fare la voce grossa su tutti i temi che saranno affrontati in sede europea. 

L'irritazione del presidente del Consiglio nasce dal fatto che a Bruxelles gli sherpa abbiano rifiutato di sottoscrivere una bozza di dichiarazione che era stata preparata dalla Commissione per una gestione comune degli sbarchi e della ripartizione dei migranti e dare così seguito alle conclusioni del Consiglio europeo di giugno. "L'Italia è costretta a prendere atto che l'Europa oggi ha perso una buona occasione - denuncia il premier Conte - in materia di immigrazione non è riuscita a battere un colpo in direzione dei principi di solidarietà e di responsabilità che pure vengono costantemente declamati quali valori fondamentali dell'ordinamento europeo" e anzi, punta il dito, "da parte di alcuni Stati è stato proposto un passo indietro, suggerendo una sorta di regolamento di Dublino 'mascherato', che avrebbe individuato l'Italia come paese di approdo sicuro, con disponibilità degli altri Stati a partecipare alla redistribuzione dei soli aventi diritto all'asilo, che notoriamente sono una percentuale minima dei migranti che arrivano per mare".

"Dalla Diciotti non sbarca nessuno"

Anche dal Viminale filtra la stessa posizione dura e intransigente: "Dalla Diciotti non sbarca nessuno. Su questo fronte il governo è compatto" sottolineano fonti del Ministero dell'Interno secondo cui l'esito del vertice europeo è l'"ennesima dimostrazione che l'Europa non esiste". 

Ma sul tavolo c'è un'altra questione: la minaccia ventilata ieri e ribadita oggi dal vicepremier Di Maio di bloccare i pagamenti del nostro paese all'Ue in mancanza di collaborazione nella ridistribuzione dei migranti che si trovano a bordo della nave Diciotti. E anche se il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, sottolinea che "pagare i contributi all'Ue è un dovere legale dei membri", il ministro del Lavoro e dello sviluppo economico insiste: "Oggi l'Unione Europea ha deciso di voltare le spalle all'Italia ancora una volta. A questo punto l'Italia deve prendersi in maniera unilaterale una riparazione. Non abbiamo più intenzione di farci mettere i piedi in testa".

Per questo, prosegue, "l'Unione Europea non vuole ottemperare ai principi concordarti nell'ultimo consiglio europeo? Noi siamo pronti a tagliare i fondi che diamo all'Unione Europea. Vogliono 20 miliardi dei cittadini italiani? Dimostrino di meritarseli e si prendano carico di un problema che non possiamo piu' affrontare da soli. I confini dell'Italia sono i confini dell'Europa. Agli italiani non chiederemo un centesimo di piu'. Lo dico da capo politico del Movimento 5 Stelle, visto che la UE non rispetta i patti e non adempie ai suoi doveri, noi come forza politica non siamo più disposti a dargli i 20 miliardi all'anno che pretendono".

Concorda Matteo Salvini: "Io penso che i soldi pagati da italiani e immigrati regolari in tasse devono finire agli italiani. Possiamo diminuire il contributo in quota parte sulla base di quello che l'Europa fa o non fa penalizzando l'Italia. Mi sembra un dovere ridiscutere queste spese condominiali".

Il monito di Oettinger​

"Se l'Italia si rifiuta di pagare il suo contributo al bilancio europeo, sarebbe la prima volta nella storia dell'Ue. Questo comporterebbe interessi per i ritardi nei pagamenti, e una violazione degli obblighi del Trattato che porterebbe a possibili ulteriori forti sanzioni", sottolinea su Twitter il commissario europeo al bilancio, Guenther Oettinger, aggiungendo l'hashtag #cooperazione-non-minacce.

Il Pd all'attacco: "Se Conte non è in grado di governare, vada a casa"

Intanto, sul fronte dell'opposizione il Pd con il segretario Maurizio Martina sollecita Conte a riferire al più presto in Parlamento e a dimettersi se incapace nel gestire l'emergenza: "Conte deve gestire la situazione se ne è capace o vada a casa perché stiamo affrontando una situazione incredibile, mai vista. Con una evidente incapacità del governo a gestirla. Se non sono in grado di governare vadano a casa per il bene degli italiani". Quindi, conclude, "con la Ue che ci volta le spalle, è una Italia sempre piu' isolata. Conte venga a riferire in Parlamento perché siamo oltre la soglia di guardia".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it