Di Stefano: "CasaPound non si candida, siamo qui per contribuire con le idee"

La presenza a piazza San Giovanni del movimento aveva causato malumori in Forza Italia

casapound di stefano piazza san giovanni

Partiti in corteo dalla loro sede in via Napoleone III, i militanti di CasaPound sono entrati a piazza San Giovanni percorrendo via Emanuele Filiberto, con il loro leader in testa, Simone Di Stefano. Una presenza, quella della tartaruga frecciata, che ha causato più di un malumore in Forza Italia, a partire da Mara Carfagna

"CasaPound non si candida più alle elezioni, noi siamo qui solo per dare un contributo di idee", ha detto Di Stefano, arrivando con gli altri militanti in piazza San Giovanni a Roma per partecipare alla manifestazione del centrodestra. "Io spero che Salvini sia il leader di un fronte sovranista piuttosto che del centrodestra", ha aggiunto Di Stefano, "noi vogliamo solo portare contenuti a questo fronte sovranista. Abbiamo un patrimonio di idee, che è già stato scopiazzato da altri, ma siamo qui per riproporlo". 

"Se con la nostra partecipazione abbiamo dato il coraggio alla Carfagna e a Brunetta di andare con Renzi, è un bene", ha poi ironizzato Di Stefano. Passando tra la folla con grande difficoltà, Di Stefano è stato accolto da alcuni manifestanti con applausi e grida di incoraggiamento. Alcune persone hanno anche voluto fare un selfie con lui. Gli altri militanti del movimento lo seguono da vicino, alcuni di loro innalzando una bandiera tricolore.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it