In Africa è completamente vaccinato meno dell'1,6% della popolazione

In Africa è completamente vaccinato meno dell'1,6% della popolazione

A stimarlo, uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica BMJ Global Health

africa vaccino covid

© RODGER BOSCH / AFP - Vaccinazioni anti Covid in Africa

AGI - Meno dell'1,6% della popolazione africana è stata completamente vaccinata, con doppia dose, dopo 18 mesi dall'introduzione della vaccinazione Covid-19. A stimarlo, uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica BMJ Global Health.

La stima si riferisce alla popolazione residente negli Stati dell'ECOWAS - Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale che comprende Benin, Burkina Faso, Capo Verde, Costa d'Avorio, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea Bissau, Liberia, Mali, Niger, Nigeria, Senegal, Sierra Leone e Togo e rappresenta 410 milioni di persone, ovvero circa il 5% della popolazione mondiale.

Nell'agosto 2020 l'Ufficio dei capi di Stato e di governo dell'Unione africana avevano approvato la strategia per lo sviluppo e l'accesso al vaccino Covid-19 per vaccinare almeno il 60% della popolazione di ciascun paese entro il 2022.

Ma nonostante la recente condivisione di vaccini in eccedenza da parte dei paesi ricchi, a metà settembre 2021 solo il 3% delle persone in Africa aveva ricevuto almeno una dose di vaccino contro il Covid-19 rispetto a circa il 60% delle persone nei paesi ad alto reddito.

Tale evidente disuguaglianza rischia l'emergere di ceppi mutanti che potrebbero minare l'efficacia dei vaccini esistenti, avvertono i ricercatori. Il numero relativamente basso di casi e decessi confermati di Covid-19 nell'Africa occidentale, rispetto ad altre parti del continente, sembra aver creato un falso senso di sicurezza, con conseguente diffusa esitazione al vaccino e bassa assunzione del vaccino Covid-19, affermano i ricercatori.

Anche la capacità di stoccaggio e consegna limitata, il personale insufficiente e le infrastrutture sanitarie scadenti hanno probabilmente contribuito a ostacolare una diffusione più diffusa, aggiungono. "Per ottenere una copertura del 50%, 60% e 70% dopo 9, 12 e 18 mesi di implementazione, rispettivamente, il ritmo della vaccinazione dovrebbe aumentare di 10, 7 e 4 volte la velocità attuale", sostengono i ricercatori.

Per fare ciò, aggiungono, le nazioni dell'Africa occidentale devono aumentare drasticamente i loro programmi di vaccinazione Covid-19 di 10 volte se vogliono raggiungere almeno il 60% di copertura entro il 2022 e raggiungere l'immunità necessaria per tenere sotto controllo la pandemia in Africa.

Per prevedere i probabili livelli di copertura entro il 2022 nei 15 paesi che compongono la Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale, i ricercatori hanno analizzato la somministrazione del vaccino Covid-19 3 mesi dopo l'inizio del lancio della vaccinazione, attingendo a informazioni pubblicamente disponibili e hanno scoperto che solo lo 0,27% della sua popolazione totale era stato vaccinato con due dosi.

I governi nazionali devono adottare strategie culturalmente accettabili per implementare messaggi efficaci che evidenzino i pro e i contro della vaccinazione e allontanino fake news e falsi miti, suggeriscono.

"La fiducia e l'accettazione delle vaccinazioni possono migliorare se le sperimentazioni cliniche di un vaccino vengono intraprese a livello locale, quindi la conduzione di più sperimentazioni cliniche e la produzione locale di vaccini Covid-19 rimane un elemento fondamentale", aggiungono.

Questo potrebbe anche avere altri effetti a catena, suggeriscono. "Oltre al vantaggio dell'accesso ai vaccini salvavita, ci sono potenziali benefici secondari della ricerca e sviluppo di vaccini e delle capacita' di produzione locale, come costi di importazione ridotti o nulli, meno requisiti per la catena del freddo e benefici economici per il paese ospitante.