Nuovo record di contagi in Cina. Mai così tanti da luglio

Nuovo record di contagi in Cina. Mai così tanti da luglio

Nelle ultime 24 ore il Paese registra 115 nuovi casi accertati, il valore più alto dal 30 luglio scorso, più che raddoppiando i contagi segnalati il giorno precedente (55). Gli abitanti di una sua città, Suihua, che conta 5,2 milioni di abitanti, sono stati messi in lockdown

covid nuovo record contagi cina

Test Covid in Cina

AGI - Nuovo record di contagi da Covid-19 in Cina, che nelle ultime 24 ore (mercoledì 13 gennaio) registra 115 nuovi casi accertati, il valore più alto dal 30 luglio scorso, più che raddoppiando i contagi segnalati il giorno precedente (55).

Quasi tutti i nuovi contagi sono sviluppati internamente (107) e solo otto sono provenienti dall'estero: la situazione più preoccupante rimane quella dello Hebei, la provincia nord-orientale che confina con Pechino, dove si contano 90 contagi accertati, mentre altri sedici casi confermati sono stati rilevati nella provincia nord-orientale dello Heilongjiang.

Da martedì 12 gennaio, sono tre le città dello Hebei sottoposte a lockdown per il contenimento dell'epidemia, tra cui il capoluogo provinciale di Shijiazhuang, per un totale di 22 milioni di persone sottoposte a restrizioni. Oltre ai casi accertati, ci sono anche 38 contagi asintomatici, conteggiati a parte dalla Commissione Nazionale per la Sanità cinese, in calo rispetto agli 81 di ieri. In totale, dall'inizio dell'epidemia, i contagi da Covid-19 in Cina sono 87.706, mentre il numero di decessi rimane fermo a quota 4.634. 

Altri 5 milioni di cinesi in lockdown

La provincia nord-orientale cinese dello Heilongjiang ha dichiarato lo stato di emergenza per la diffusione del contagio da Covid-19, e gli abitanti di una sua città, Suihua, che conta 5,2 milioni di abitanti, sono stati messi in lockdown. Le autorità provinciali dello Heilongjiang hanno ordinato ai residenti di non lasciare la provincia, se non in caso di assoluta necessità, e hanno cancellato eventi pubblici. 

Nonostante la Cina abbia ampiamente contenuto la diffusione del contagio, focolai sparsi si sono verificati in diverse aree del Paese, e la situazione attuale impensierisce le autorità sia per la crescita delle infezioni alle porte della capitale, sia per la vicinanza con le festività del capodanno lunare, in cui è atteso un numero di viaggi all'interno del Paese minore del normale, proprio a causa dell'ultima ondata di contagi.

Oltre a Suihua sono state poste in lockdown, finora, anche altre tre città nello Hebei, dove si è verificato il focolaio più esteso. In totale, a oggi, sono oltre 28 milioni in Cina le persone sottoposte a restrizioni negli spostamenti per il contenimento dell'epidemia.