Cosa dirà Mark Zuckerberg al Congresso Usa: il testo

Il fondatore di Facebook prima si addosserà la responsabilità di quello che è successo, poi ricorderà la missione del social network, il bene che ha fatto, poi rassicurerà sul futuro. Con queste parole

Cosa dirà Mark Zuckerberg al Congresso Usa: il testo
 (Afp)
 Mark Zuckerberg

Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg dirà al Congresso americano, nelle audizioni di domani e mercoledì, che ha lui ha "fatto un errore" personale nel non aver fatto abbastanza per contrastare il cattivo utilizzo delle risorse e dei dati del social network.

"Non abbiamo fatto abbastanza per impedire che questi strumenti vengano utilizzati in modo dannoso. Non abbiamo affrontato in modo sufficiente le nostre responsabilità ed è stato un grosso errore. È stato un mio errore e mi dispiace".

"Non basta connettere le persone e dar loro voce: bisogna garantire verità e sicurezza", si legge nel testo pubblicato da diversi media americani: "Facebook è un'azienda idealista e ottimista. Per gran parte della nostra esistenza ci siamo concentrati su tutto il bene che le persone in grado di comunicare possono portare".

Nel testo su cui si baserà la sua audizione parlamentare, Zuckerberg scrive che "Mentre Facebook è cresciuto, le persone di tutto il mondo hanno ottenuto un nuovo potente strumento per rimanere in contatto con le persone che amano, far sentire la propria voce e costruire nuove comunità. Proprio di recente, abbiamo visto il movimento #Metoo e #Marchforourlives, organizzata, almeno in parte, su Facebook".

E ancora, Zuckerberg ricorderà la solidarietà e fondi raccolti per le catastrofi naturali: "Dopo l'uragano Harvey, la gente ha raccolto oltre 20 milioni di dollari di aiuti. E oltre 70 milioni di piccole imprese ora usano Facebook per crescere e creare posti di lavoro". Tutto ciò non basta: "Ma è chiaro ora che non abbiamo fatto abbastanza per impedire che questi strumenti vengano usati anche per il danno. Ciò vale per fake news, le interferenze straniere nelle elezioni e discorsi che incitano all'odio, così come per gli sviluppatori e la privacy dei dati. Non abbiamo preso una visione abbastanza ampia della nostra responsabilità, e questo è stato un grosso errore. È stato un mio errore, e mi dispiace. Ho aperto Facebook, lo gestisco e sono responsabile di ciò che accade qui".

Ed ecco il 'che fare' per riacquistare la fiducia delle persone che usano Facebook: "Dobbiamo esaminare ogni parte del nostro rapporto con le persone e assicurarci di avere una visione sufficientemente ampia della nostra responsabilità. "Non è sufficiente connettere semplicemente le persone, dobbiamo assicurarci che queste connessioni siano positive. Non basta dare alle persone solo una voce, dobbiamo assicurarci che le persone non la usino per ferire le persone o diffondere disinformazione".

E ancora: "Non è abbastanza dare alle persone il controllo delle loro informazioni, dobbiamo assicurarci che anche gli sviluppatori a cui hanno dato lo stiano proteggendo. In generale, abbiamo la responsabilità non solo di costruire strumenti, ma di assicurarci che tali strumenti siano utilizzati per sempre. Ci vorrà del tempo per mettere in pratica tutti i cambiamenti che dobbiamo apportare, ma mi impegno a farlo nel modo giusto. Ciò include il miglioramento del modo in cui proteggiamo le informazioni delle persone e salvaguardiamo le elezioni in giro per il mondo".

Zuckerberg quindi indicherà le priorità sue e del social network: "La mia priorità principale è sempre stata la nostra missione sociale di collegare le persone, costruire comunità e avvicinare il mondo. Gli inserzionisti e gli sviluppatori non avranno mai la priorità su questo finché guiderò Facebook". Zuckerberg ricorderà di aver "dato vita a Facebook" quando era ancora al college. "Abbiamo fatto molta strada da allora. Ora serviamo più di 2 miliardi di persone in tutto il mondo, e ogni giorno le persone usano i nostri servizi per rimanere in contatto con le persone più importanti per loro. Credo profondamente in quello che stiamo facendo. E quando affrontiamo queste sfide, so che guarderemo indietro e vedremo come aiutare le persone a connettersi e dare a più persone una voce come forza positiva nel mondo". "Mi rendo conto - dirà chiudendo la sua presentazione dinanzi al Congresso - che i problemi di cui stiamo parlando oggi non sono solo problemi per Facebook e per la nostra comunità: sono sfide per tutti noi come cittadini americani".

Poi sarà "pronto a rispondere" alle domande dei parlamentari Usa. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it