Afd ha il sospetto che Greta Thunberg sia manovrata da Putin

Il portavoce federale del partito nazionalista tedesco ha chiesto alla Commissione Europea di aprire un'indagine per scoprire se la mobilitazione ambientalista Friday for Future sia finanziata da Mosca 

greta thunberg putin afd

Russia Today, testata espressione del Cremlino, parla di "trolling di alto livello". E appare in effetti curiosa l'interrogazione con la quale Joerg Meuthen, portavoce federale e europarlamentare del partito nazionalista tedesco 'Alternative Fuer Deutschland', ha chiesto alla Commissione Europea di indagare su Friday for Future, la mobilitazione ambientalista guidata da Greta Thunberg, per verificare se sia orchestrata da Mosca. 

Appena due settimane fa il presidente russo, Vladimir Putin, aveva definito la giovane attivista svedese "carina ma poco informata". Ed è ironico come la stessa Afd, come altri partiti nazionalisti europei, sia stata accusata spesso a sua volta di essere sostenuta da Mosca. Non si può poi non osservare che a un Paese come la Russia, la cui economia è così dipendente dalle esportazioni di idrocarburi, un'Europa che abbandona i combustibili fossili non farebbe esattamente comodo. 

Minacce ibride

Nella lettera, pubblicata sul sito del Parlamento Europeo, Meuthen identifica Friday for Future, Greenpeace e le navi Ong che soccorrono i migranti nel Mediterraneo come possibili "minacce ibride", ovvero "strumenti convenzionali o non convenzionali utilizzati in modo coordinato da entità statali e non statali per ottenere uno specifico obiettivo politico". Tali soggetti, sottolinea Meuthen, "sono gestiti in maniera professionale e contano su significative fonti di finanziamenti".

Dietro gli scioperi degli studenti per il clima, osserva ancora l'esponente di Afd, che ha posizioni scettiche sui cambiamenti climatici, "c'è la societa' per azioni 'We Don't Have Time', fondata dal manager delle pubbliche relazioni Ingmar Rentzhog nel 2017 allo scopo di creare 'la maggiore rete sociale al mondo per l'attivismo climatico' e in tal modo fare più soldi possibile".

"Simili campagne stanno avendo al momento un forte impatto sulla politica a danno di altri obiettivi - quali assicurare la prosperità, l'occupazione o un approvvigionamento energetico sicuro - fino a contribuire a una perdita di competitività globale e a un impoverimento dell'Europa", aggiunge​ Meuthen, che chiede quindi alla Commissione "se ha finora indagato su queste campagne in quanto minacce ibride e, nel caso, con quali risultati; se, in caso contrario, la Commissione intende farlo e se, pur in assenza dei risultati di una simile indagine, la Commissione può escludere che queste campagne siano finanziate e manovrate dalla Russia".
 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it