Cinque elementi che rendono l'attacco di Las Vegas molto diverso dagli altri 

Diversamente dalle altre azioni rivendicate dall'Isis, qui c'è stata capacità di usare appieno il potenziale tattico. Il vantaggio. E poi, la persona era ben addestrata con una notevole capacità di tiro. Impossibile difendersi.

Cinque elementi che rendono l'attacco di Las Vegas molto diverso dagli altri 

Craig Paddock ha portato da solo nella stanza al 32esimo piano dell'hotel Mandalay Bay gli otto fucili che gli sono serviti per la strage di Las Vegas. Ed è stato proprio il fumo sprigionato dagli spari a permettere agli uomini della Swat della polizia di Las Vegas di localizzarlo: l'allarme antincendio è scattato e in 20 minuti li ha guidati fino a lui.

Cinque elementi che rendono l'attacco di Las Vegas molto diverso dagli altri 

Carlo Biffani, esperto di sicurezza, ha analizzato per noi le modalità di azione del killer di Las Vegas e ha individuato cinque peculiarità:

  1. Finora gli autori di attacchi con armi da fuoco rivendicati dall'Isis non hanno mostrato particolari capacità tattiche. In genere - pur causando un numero anche considerevole di vittime - non sono sembrati in grado di utilizzare appieno il potenziale 'tattico' e il vantaggio a loro disposizione. Ad esempio: arrivare con armi da guerra e 250 colpi per poi spararne più di 190 - come è successo nel caso dell’attacco di capodanno alla discoteca di Istanbul - e uccidere 39 vittime inermi, in un ambiente chiuso, non denota chissà quale addestramento. Altra cosa è sparare a persone che si trovano a distanza, di notte, in un ambiente aperto.
     
  2. Questa volta, ci troviamo invece di fronte ad un tiratore che ha colpito, uccidendo e ferendo 500 persone, dimostrando di avere una elevata padronanza delle armi utilizzate, sparando da una distanza notevole.
     
  3. Il tiratore era quindi verosimilmente persona capace ed addestrata a fare fuoco anche su distanze impegnative, ingaggiando bersagli in movimento e in fuga.
     
  4. Ascoltando l’audio dei video registrati dalle persone presenti al momento dell’attacco, si può notare una notevole velocità di tiro (numero di colpi esplosi al minuto) di almeno una delle armi utilizzate, con la quale il tiratore spara raffiche anche molto lunghe, certamente superiori in termini di  colpi sparati a quelli normalmente contenuti in un serbatoio da 20 munizioni, che è quello in dotazione standard ai fucili di assalto anche nelle versioni “civili” in vendita negli Stati Uniti. Questo lascerebbe immaginare l’utilizzo di armi cosiddette “di reparto” anche se in versione civile ovvero di mitragliatrici simili alla Minimi, un arma utilizzata anche dalle nostre forze armate.
     
  5. Difendersi da un attacco di questo genere è difficile soprattutto perché la fonte di fuoco si trova in posizione più alta e di conseguenza dominante. Individuare se possibile la posizione dalla quale fa fuoco il killer e trovare un riparo balistico in grado di resistere alle munizioni utilizzate  - verosimilmente, in questa circostanza, di grosso calibro - può essere davvero complicato. Ma una volta guadagnato un riparo, contrariamente a quanto è necessario fare in caso di attacchi come quelli dell'Isis due anni fa a Parigi, è necessario rimanere immobili e non muoversi fino al cessato allarme.
Cinque elementi che rendono l'attacco di Las Vegas molto diverso dagli altri 
RICK STEVENS / POOL / AFP 
Il principe William spara con una mitragliatrice leggere F-89 Minimi


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it