La Catalogna ha scelto l'indipendenza. Adesso che succede

Dopo la vittoria del Sì al referendum si apre, per la Spagna, una gravissima crisi, Approfondimenti su La StampaSole 24 OreCorriere. Cosa è successo domenica

La Catalogna ha scelto l'indipendenza. Adesso che succede

In Catalogna trionfa come previsto il Sì al referendum (oltre il 90% dei 2,2 milioni che si sono recati alle urne ha votato per l'autodeterminazione della regione più ricca di Spagna dal governo centrale). E adesso che succede?

Assordante silenzio dell'Europa
 

Si apre, per la Spagna, la crisi più grave dalla fine della dittatura franchista nel 1975,scrive Stefano Stefanini su La Stampa. Quello di ieri, in Catalogna, è stato un disastro politico annunciato – ed evitabile – nell’assordante silenzio dell’Europa. L’indomani è il giorno dell’incertezza. Carlos Puigdemont può dichiarare l’indipendenza della «Repubblica catalana» nel giro di 48 ore.  Rajoy, prosegue l'articolo, pretende che l’episodio sia chiuso con un nulla di fatto; se lo pensa veramente non ha capito quanto è successo. Tocca ora anche all’Ue e ai leader europei far capire a Madrid come agli indipendentisti catalani che il muro contro muro conduce a una catastrofe politica. Il silenzio di Bruxelles, forse benintenzionato, diventa indifferenza callosa.  

video

La dichiarazione d'indipendenza
 

Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras, scrive Rai News, ha detto questa notte che spetterà al parlamento di Barcellona la settimana prossima prendere la decisione di dichiarare l'indipendenza, in base alla legge sul referendum. Una decisione potrebbe essere presa al riguardo a partire da mercoledì, ipotizza la stampa catalana (La Vanguardia scrive che il presidente Carles Puigdemont ha annunciato che "i cittadini catalani si sono guadagnati il diritto ad uno stato indipendente" e ha lanciato un appello all'Europa: "L'Ue non può continuare a guardare dall'altra parte").

Rajoy: "È stato un ricatto di pochi"
 

il referendum in Catalogna "è stato un ricatto di pochi". Come scrive il Sole 24 Ore, il premier spagnolo Mariano Rajoy, intervenuto domenica sera, ha detto che "la maggioranza del popolo catalano non ha partecipato alla sceneggiata degli indipendentisti". Poi ha aggiunto: "Non intendo chiudere nessuna porta, non l'ho mai fatto. Ma sempre nei confini della legge e nel quadro della democrazia".

E ha spiegato che da oggi "dovremo cominciare a ristabilire l'ordine costituzionale. Spero che i partiti continuino ad appoggiarci. Voglio convocare le forze politiche per riflettere sul futuro. Chiederò di intervenire davanti al Congresso dei deputati".

La 'ley de desconexión'
 

Al referendum per l'indipendenza della Catalogna i Sì hanno vinto con una percentuale superiore al 90%. Ma cosa succede ora? Dato per scontato l’avvallo “legale” della Generalitat, scrive il Corriere,  dovrebbe entrare in vigore la ley de desconexión che regola l’iterim legale fino al riconoscimento dell’indipendenza. In sostanza tutto rimarrebbe com’è oggi (leggi, tribunali, polizia, amministrazione, finanze) tranne il fatto che il governo locale dovrebbe negoziare o imporre caso per caso nuove regole a Madrid fino alla completa separazione.

video

Cronaca del referendum, tra sangue e garofani
 

Nella domenica del referendum vietato da Madrid, scene da una guerra civile, combattuta nelle urne e sui media in Catalogna.

photogallery

Referendum in Catalogna in 16 scatti


  •   AFP 
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  • Twitter
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  • Twitter Donato Fortunato‏ @Conversano91
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  • Twitter
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  •  Foto: Twitter
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  • Twitter
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  • Twitter
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  • PAU BARRENA / AFP 
    01 ottobre 2017,12:57
    Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  • LLUIS GENE / AFP 
    01 ottobre 2017,12:57
    Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  • AFP
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  • 01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  •   AFP 
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  •   AFP 
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  •   AFP 
    01 ottobre 2017,12:57
     Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  •  LLUIS GENE / AFP 
    01 ottobre 2017,12:57
    Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani
  • PAU BARRENA / AFP 
    01 ottobre 2017,12:57
    Referendum: il giorno del voto, scontri tra la polizia e i catalani

Centinaia di feriti (si parla di 800 civili e 33 agenti) con la polizia spagnola che è intervenuta con la forza in centinaia di seggi elettorali per impedire lo svolgimento del referendum di indipendenza catalano. Ecco cosa è successo minuto per minuto.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.