Quali sono le sfide che dovrà affrontare il nuovo amministratore delegato di Tim

Luigi Gubitosi passa alla gestione non semplice della società, con i primi due azionisti sul piede di guerra, 22 mila esuberi, e il desiderio del governo di integrare le reti Tim e Open Fiber

Quali sono le sfide che dovrà affrontare il nuovo amministratore delegato di Tim 
 Armando Dadi/Afp
 Luigi Gubitosi commissario Alitalia (Afp)

Luigi Gubitosi è il nuovo amministratore delegato di Tim, il quarto a succedersi alla guida della principale azienda di telecomunicazione del Paese in poco più di 2 anni e mezzo. Dalla crisi di Alitalia - di cui attualmente è assieme a Enrico Laghi e Stefano Paleari commissario straordinario - Gubitosi passa alla non certo semplice gestione di Tim, con i primi due azionisti sul piede di guerra, ovvero Vivendi ed Elliott, rispettivamente al 23,9 e al 9 per cento circa del capitale sociale.

In questo scenario, si colloca l'emendamento presentato dal Movimento 5 Stelle per l'integrazione tra le reti di Tim e di Open Fiber, un percorso, secondo i desiderata del governo, che porterebbe alla nascita di un player unico, magari a controllo pubblico.

Un processo, inoltre, che pone seri dubbi anche sul fronte occupazionale: si parla di circa 22 mila addetti Tim che potrebbero essere interessati da un pesante piano esuberi, tanto che i sindacati hanno già indetto un presidio dei lavoratori giovedì prossimo davanti alla sede del ministero dello Sviluppo Economico retto da Luigi Di Maio.

Scheda: Chi è Luigi Gubitosi, il nuovo amministratore delegato di Tim

Oltre ai temi di natura 'politica' e 'sindacale' tipici di un 'incumbent', il nuovo amministratore delegato deve far fronte anche gli aspetti più prettamente finanziari, tra il cronico problema dell'indebitamento e una marginalità da traffici telefonici messa sempre più a dura prova.

Sul tavolo dell'amministratore delegato i dossier relativi alle cessioni di Persidera e della 'delicata' Sparkle, oltre alla possibile valorizzazione della controllata Inwit. Da gestire anche il capitolo Tim Brasil, l'ultimo 'possedimento coloniale' di Tim.

A fare da cornice a questo quadro, anche lo sbarco massiccio sul mercato italiano delle compagnie telefoniche 'low cost' come Iliad e Ho che stanno erodendo sempre più spazi e margini ai colossi della telefonia, anche se Tim sta dimostrando di reggere meglio rispetto ai competitor tradizionali, come dimostrato dall'ultima trimestrale approvata lo scorso 8 novembre, l'ultima 'firmatà da Amos Genish, l'amministratore delegato sfiduciato dal suo board. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it