L'Ecofin frena sulla riforma del Patto di stabilità

Il presidente dell'European Fiscal board aveva suggerito di riformare il patto di stabilità stabilendo di rendere rendere sostenibile il debito pubblico attraverso il controllo della spesa pubblica. A Helsinki, ha riconosciuto le difficoltà della discussione, constatando le differenze fra le posizioni dei diversi Paesi

Ecofin riforma Patto stabilita
Emmi Korhonen / Lehtikuva / AFP
 
L'Ecofin di Helsinki

L'Europa frena sulla riforma del patto di stabilità e crescita, uno dei punti programmatici del governo Conte Bis su input del presidente Mattarella.

Una prima discussione fra i partner europei sulla possibile ridiscussione delle norme ha confermato a Helsinki la divisione fra Paesi più rigoristi e quelli più inclini a considerare le regole in modo flessibile. Alla fine dell'incontro, il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis, che sarà in carica anche nel prossimo esecutivo di Ursula von der Leyen ed è classificato fra i "nordici rigoristi", ha auspicato di non avviare il cambiamento della legislazione "senza sapere come chiuderla e quanto il dibattito sarà divisivo e lungo, senza conoscerne l'esito".

Quanto al ministro italiano Roberto Gualtieri, al suo debutto in una riunione Ecofin, ha affermato di condividere la prudenza espressa prima di lasciare Helsinki dall'omologo francese Bruno Le Maire, assente dalla discussione di questa mattina. "La revisione del Patto di stabilità è un processo molto complesso, lungo e delicato" ha osservato Gualtieri "La prudenza non è solo della Francia ma di tutti noi".

Ma c'è condivisione, ha aggiunto, anche sul fatto che "una riflessione sulle regole deve andare avanti, e la Commissione deve presentare un rapporto: ci sono varie forme per migliorare e semplificare" anche se qualcuno ritiene che "la questione riguarda più come applicarle che le regole stesse". Anche se, ha voluto sottolineare, si è registrata "la disponibilità ad approfondire forme per proteggere gli investimenti legati alle grandi priorità europee a partire dall'azione per il clima".

Il presidente dell'European Fiscal board, Niels Thygesen, con il suo rapporto pubblicato qualche giorno fa aveva suggerito di riformare il patto di stabilità stabilendo di rendere rendere sostenibile il debito pubblico principalmente attraverso il controllo della spesa pubblica. A Helsinki, ha riconosciuto le difficoltà della discussione, constatando le differenze fra le posizioni dei diversi Paesi.

L'Italia vuole comunque contribuire a questa discussione in modo costruttivo: come ha sottolineato Gualtieri, "questo governo punta ad essere protagonista delle scelte europee. In tutti gli incontri di questi giorni, il Focus è sempre stato sulle questioni europee e sulla posizione dell'Italia sulle politiche europee, non tanto sulla manovra". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it