Cosa c’è da sapere sul Decreto Crescita

Ires, cartelle rottamate, rientro dei cervelli in fuga. Ma restano fuori i rimborsi ai risparmiatori truffati

decreto crescita contenuti
Agf
Giuseppe Conte

Dalla rottamazione delle cartelle per multe e tasse locali alla revisione dell'Ires, dal superammortamento alla maggiorazione dello sconto Imu sui capannoni, dagli incentivi per l'edilizia al rifinanziamento del Fondo di garanzia per l'acquisto della prima casa. Sono queste alcune delle principali misure contenute, secondo le bozze circolate, nel dl crescita all'esame del Cdm.

Nel testo non sono entrate le norme, volute inizialmente dal ministro dell'Economia Tria, che avrebbero modificato gli accordi assunti con le associazioni di risparmiatori. “Nessuna norma può essere inserita senza accordo delle associazioni” avrebbe detto Di Maio in Cdm. Il presidente del consiglio ha assunto l’impegno di convocare le associazioni lunedì alle ore 12. Il giorno successivo si dovrebbe tenere un nuovo Consiglio dei ministri. "Vince la linea Di Maio in Consiglio dei ministri sul risarcimento dei risparmiatori truffati", sottolineano fonti M5s.

Rottamazione delle cartelle anche per multe e tasse locali

La rottamazione delle cartelle, già prevista per l'Erario, viene estesa agli enti territoriali. La norma prevede la possibilità per regioni, province, città metropolitane e comuni di disporre la definizione agevolata delle proprie entrate, anche tributarie, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale notificati negli anni dal 2000 al 2017, stabilendo l'esclusione delle sanzioni. Gli enti territoriali avranno 60 giorni di tempo per procedere

Stop alla mini Ires, taglio al 22% dal 2019​

Stop alla mini Ires e taglio immediato dell'aliquota al 22,5%. Lo sconto introdotta nella legge di bilancio che riduce l'aliquota Ires dal 24 al 15% viene sostituito con l'applicazione subito dell'aliquota agevolata al 22,5%, a partire dall'anno di imposta 2019, e poi al 21,5% per il 2020, al 20,5% per il 2021 e al 20% dal 2022. Lo sconto si applica sugli utili di esercizio reinvestiti in azienda, nei limiti dell'incremento di patrimonio netto a esclusione delle banche.

Immobili enti locali in piano dismissioni

Per rafforzare il piano di dismissioni immobiliari del governo viene esteso agli enti territoriali. Oltre l'80% dei beni cedibili risulta di proprietà degli enti locali.​

decreto crescita contenuti
 Capannone SGA Flero 

Lo sconto su Imu su capannoni sale al 50%

Aumento progressivo della deducibilità dell'Imu sui capannoni dal reddito d'impresa e di lavoro autonomo, che passa dal 40% al 50% per il 2019 e dovrebbe salire al 60% nel 2020.

Superammortamento

Si prevede la reintroduzione da aprile fino alla fine del 2019 del superammortamento al 130% degli investimenti in beni strumentali a eccezione di autovetture, immobili, attrezzature di lunga durata e beni immateriali. 

Patent box

Eliminazione dell'obbligo di interpello per fruire del cosiddetto patent box, ovvero l'agevolazione fiscale sui redditi derivanti da beni immateriali i cui costi di sviluppo sono stati sostenuti in Italia.

Proroga del credito d’imposta su ricerca e sviluppo

Prorogato per il triennio 2021-2023 il credito d'imposta in ricerca e sviluppo in scadenza a fine 2020. Il credito d'imposta è attribuito nella misura del 25% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo realizzati nei tre periodi d'imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2019.

Rientro dei cervelli e bonus a chi torna al Sud

Chi torna in Italia e trasferisce la propria residenza in una regione del Sud (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia) pagherà le tasse solo sul 10% del reddito. Tra le misure per il rientro dei cervelli c'è l'incremento dal 50 al 70% della riduzione dell'imponibile per gli impatriati che trasferiscono la residenza in Italia a partire dal 2020. Più agevolazioni per docenti e ricercatori italiani non iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero che tornano in Italia entro il 31 dicembre 2019.

Vendita di beni su piattaforme digitali

Rimodulazione progressiva della quota di investimenti qualificati da destinare ai Fondi venture capital e ai sistemi multilaterali di negoziazione, e arrivare gradualmente alla percentuale del 3,5% introdotta con la legge di bilancio 2019.

Applicazione delle ritenute nei regimi forfettari

Introduzione dell'obbligo di applicazione di ritenuta per i datori di lavoro ammessi al regime forfettario.

Incentivi per valorizzazione edilizia

Applicazione dell'imposta di registro e delle imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di 200 euro ciascuna per i trasferimenti di interi fabbricati a favore di imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare che, entro i successivi 10 anni, provvedano alla demolizione e ricostruzione degli stessi, anche con variazione volumetrica rispetto al fabbricato preesistente, nonché all'alienazione degli stessi.

100 milioni per il fondo di garanzia prima casa

Rifinanziamento di 100 milioni nel 2019 per il Fondo di garanzia per l'acquisto della prima casa. Il fondo concede garanzie, a prima richiesta, nella misura massima del 50% della quota capitale di mutui ipotecari di importo non superiore a 250 mila euro, connessi al solo acquisto, o all'acquisto con interventi di ristrutturazione con aumento della prestazione di efficienza energetica, di unità immobiliari non di lusso, da adibire ad abitazione principale del mutuatario, che non deve essere proprietario di altri immobili a uso abitativo.

decreto crescita contenuti
 edilizia

Pir

Rimodulazione progressiva della quota di investimenti qualificati dei Piani individuali di risparmio (Pir) da destinare ai fondi venture capital e ai sistemi multilaterali di negoziazione, per arrivare gradualmente alla percentuale del 7% (3,5% in strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni sui sistemi multilaterali di negoziazione e 3,5% in quote o azioni di fondi per il venture capital) introdotta con la legge di bilancio 2019. riduzione della quota di investimenti qualificati da destinare alle Pmi dal 7% del totale dell'investimento all'1% dello stesso nel primo anno di applicazione, con un progressivo innalzamento verso il tetto del 7% negli anni a venire.

Marchio storico

Arriva la definizione di "marchio storico" e si istituisce un elenco dei brevetti e dei marchi storici al quale le imprese possono iscriversi. Con la misura viene introdotto anche il principio che la titolarità del marchio decade se il sito produttivo viene trasferito al di fuori del territorio nazionale.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.