Quando Cottarelli faceva le pulci ai conti del programma di M5s e Lega

L'economista ha accettato (con riserva) l'incarico di premier. Pochi giorni fa aveva passato al setaccio il contratto di governo giallo-verde per dimostrarne l'insostenibilità economica

Quando Cottarelli faceva le pulci ai conti del programma di M5s e Lega
AFP PHOTO / FRANCESCO AMMENDOLA / UFFICIO STAMPA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA 
 Carlo Cottarelli al Quirinale

Mancano le coperture per realizzare le misure previste dal programma di governo M5S-Lega: da 108, 7 miliardi di euro (nella migliore delle ipotesi) a 125,7, nella peggiore. È quanto emerge dall'analisi che il Sole 24 Ore una tabella pubblicata sulla pagina Facebook dell’Osservatorio conti pubblici dell’università Cattolica di Milano, guidato dall’ex commissario alla spending review Carlo Cottarelli. 

Lo squilibrio tra le misure espansive e le coperture previste È stato calcolato il costo delle misure contenute nel contratto, insieme alle entrate che deriverebbero dalle misure indicate per le coperture. 

Da una parte le soluzioni proposte o, come vengono definite nella tabella, le “misure espansive”:

  • introduzione flat tax Irpef (costo 50 miliardi);
  • sterilizzazione delle clausole di salvaguardia (12,5 miliardi);
  • eliminazione delle accise sulla benzina (6 miliardi);
  • reddito e pensioni di cittadinanza (17); 
  • rafforzamento centri per l’impiego (2 miliardi);
  • uscita dal mercato del lavoro categorie escluse (5 miliardi);
  • riforma pensioni (8,1 miliardi);
  • politiche per le famiglie (0-17);
  • investimenti (6 miliardi);
  • assunzione straordinaria polizia penitenziaria (0,2);
  • assunzione 10 mila persone nelle forze dell’ordine (0,2);
  • innalzamento indennità civile (1,8).

Dall’all’altra parte, la lista, più corta, con le coperture. Eccole:

  • riduzione dei parlamentari (0,1);
  • riduzione pensioni d’oro (0,1);
  • eliminazione vitalizi (0,1)
  • riduzioni missioni internazionali (0,2).

Dalla somma delle “misure espansive” viene fuori una somma che varia dai 108,7 ai 125,7 miliardi di euro. A queste corrispondono, stando alle valutazioni dell’osservatorio, entrate che deriverebbero dalle misure indicate per le coperture per 500 milioni. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it