Le tre ragioni per cui Airbus riduce la produzione del suo gigante dei cieli

Congiuntura economica, crescita delle low-cost, minacce terroristiche e corsi del petrolio ne hanno colpito pesantemente le sorti dell'A380

Le tre ragioni per cui Airbus riduce la produzione del suo gigante dei cieli
 Foto: Sebastian Kunigkeit  / DPA / AFP
 Un Airbus A380 (Afp)

Il sogno, e non solo commerciale, era che ne volassero nei cieli del mondo 1.300 per il 2030. Sogno infranto invece, perché con l'annuncio di ulteriori tagli alla produzione, gli Airbus A380 si vedranno sempre meno. Il gigante dell'aviazione commerciale non ha resistito a mutamenti così rapidi che solo dieci anni fa, quando il primo modello si alzò da terra coi colori della Singapore Airlines diretto a Sydney, risultavano impensabili.

Solo otto nuovi aerei nel 2019

Sono 317 gli ordini che Airbus ha finora ricevuto per l'A380 e ammontano a 213 quelli finalizzati, ma con una veloce regressione che i numeri fissano meglio: 27 modelli in produzione nel 2015, che diventeranno 12 nel 2018 e appena otto nel 2019.

Un sogno che sfuma. "Dream" è il sostantivo più impiegato nei titoli della stampa estera per spiegare i destini dell'Airbus A380, che potrebbe riecheggiare la fine del mitico - come tutto ciò che se n'è andato - Concorde, l'aereo supersonico la cui epopea s'iniziò nel 1976 e terminò nel 2003. Per il Concorde era il sogno della velocità, la fretta di collegare New York e il Vecchio Continente per gente che non voleva o poteva perdere qualche ora in più. Per l'A380 è stata la mole, il numero di passeggeri - cinquecento sul colosso a due piani - che si sarebbero spostati sulle rotte del Pianeta.

Le tre ragioni per cui Airbus riduce la produzione del suo gigante dei cieli
 Un Airbus A380

L'assalto delle low-cost, il petrolio e il terrorismo

E invece: ecco l'arrembaggio sempre più aggressivo delle compagnie low-cost, ecco la crescita delle rotte tracciate fra i piccoli aeroporti invece dei grandi hub dove i giganti atterrano e decollano. Ecco le minacce degli attentati terroristici, il calo dei prezzi del petrolio, le restrizioni americane sui viaggi, con effetti che hanno colpito i maggiori clienti degli A380 come la Emirates.

Il ceo di Airbus, Thomas Enders, presentando i conti nei giorni scorsi ha rassicurato circa il futuro dell'A380, spiegando che il calo della produzione sarà una congiuntura utilizzata per rendere il velivolo ancora più attraente per i nuovi clienti. Ci sarà un nuovo boom, nel domani? Ci sarà veramente o finirà come l'atteso - o forse non tanto - rilancio del vecchio Concorde? La cosa certa è che non sarà la prima volta, come ha scritto il "Financial Times", che "l'ingenuità tecnica" dell'industria aeronautica cadrà vittima delle difficoltà economiche del settore".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it