Gli elementi che incastrano il sospetto assassino di Pamela Mastropietro

Lo spacciatore nigeriano fermato aveva in casa gli abiti sporchi di sangue della diciottenne romana

Gli elementi che incastrano il sospetto assassino di Pamela Mastropietro
 Facebook
 
 Pamela Mastropietro

Aveva in casa gli abiti di Pamela Mastroprietro, sporchi di sangue, e c'erano altre tracce ematiche che rimandano sicuramente alla vittima. È quanto scoperto dai carabinieri del Nucleo investigativo della Compagnia e del Comando provinciale di Macerata nell'abitazione del nigeriano fermato la scorsa notte nell'ambito delle indagini sull'omicidio della 18enne romana allontanatasi da una comunità di recupero di Corridonia (Macerata) e poi fatta a pezzi, con i resti umani abbandonati in due trolley in una strada di campagna di Pollenza, sempre nel Maceratese. L'uomo si chiama Innocent Oseghale, 29 anni, in possesso di permesso di soggiorno scaduto e con precedenti di polizia per stupefacenti, domiciliato proprio in via Spalato 124, nella città marchigiana, la stessa via dove la ragazza è stata vista viva l'ultima volta martedì 30 gennaio.

Un testimone ha riferito agli investigatori dapprima della Questura di Macerata e poi ai carabinieri di aver visto il nigeriano nella tarda serata del 30 in possesso delle valigie contenenti i resti della povera diciottenne e in prossimità del luogo dove le stesse sono state rinvenute ieri mattina da un automobilista di passaggio. E questo rafforza l'impianto probatorio a carico del nigeriano, che nel corso della scorsa notte è stato interrogato negli uffici del Comando provinciale dell'Arma in presenza del suo legale e di un interprete e poi dichiarato in stato di fermo, a disposizione della competente autorità giudiziaria. 

Un macabro ritrovamento

Le indagini sono partite con la segnalazione dell'automobilista che in via dell'Industria, tra Pollenza e Casette Verdini, aveva notato quei due trolley abbandonati. Uno dei due di colore rosso, poi risultato di proprietà della ragazza: con quel trolley si era allontanata dalla comunità 'Pars' dove tentava di seguire un percorso di recupero dalla dipendenza dalle droghe. La segnalazione era arrivata alla Polizia municipale e da questa ai carabinieri di Pollenza. E avveniva la macabra scoperta: nelle due valigie c'erano diversi pezzi, oltre una decina, del corpo della vittima. La quale era stata identificata ben presto, in base alla denuncia di scomparsa fatta dalla stessa comunità e anche dalla madre della ragazza, a Roma. I dati combaciavano, quel visto apparteneva a Pamela.

Il cerchio si stringe

Le indagini sono state subito avviate dai militari del Comando provinciale carabinieri di Macerata e anche del Ros. E' stata fatta subito una mappatura di tutte le telecamere della zona, allargando il raggio da Corridonia fino a Pollenza. Un lavoro impressionante ma rapidissimo quello degli investigatori della Compagnia e del Comando provinciale dei carabinieri coordinati dal pm di turno Stefania Ciccioli. E l'esame delle telecamere ha documentato che almeno fino al 30 mattina la ragazza era viva: la telecamera di una farmacia l'aveva 'fermata', mentre dietro di lei c'era una persona di colore, risultato appunto il nigeriano già noto alle forze dell'ordine locali.

Si è così ricostruita la sequenza temporale degli spostamenti della ragazza, fino ad arrivare martedì mattina, grazie appunto a quelle immagini, a via Spalato 124, nella stessa Macerata. A quel civico abita il nigeriano. Il quale, grazie anche alla raccolta di prove testimoniali, è risultato come l'ultima persona che avesse avuto contatti in vita con la povera e disperata Pamela. Il nigeriano eèstato quindi rintracciato grazie a un servizio di appostamento nei pressi della sua abitazione. Immediata la perquisizione personale, con l'intervento anche di investigatori specializzati del Raggruppamento Investigazioni Scientifiche di Roma che appunto nella casa occupata dall'uomo hanno trovato i vestiti della vittima, sporchi di sangue, e altre tracce ematiche. E trovato anche uno scontrino di una farmacia, poco distante da lì e dove la vittima aveva precedentemente acquistato una siringa per uso di droga.

Come è morta Pamela?

Ora gli esperti del Ris sono al lavoro nell'abitazione per ulteriori rilievi tecnico-scientifici: appare evidente che la mattanza sia stata compiuta lì, con ogni probabilità Pamela in quella casa sarebbe stata uccisa - o forse è morta per overdose, l'autopsia lo stabilirà, come pure chiarirà se ci siano state eventuali violenze sessuali - e lì sezionata. I carabinieri sono alla ricerca dell'arma utilizzata per questo compito orribile di sezionamento. Mentre si indaga su altre persone, che potrebbero aver aiutato il nigeriano nel macabro sezionamento. 

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it