agi live
Uno sciame sismico tormenta da ore le Marche

Uno sciame sismico tormenta da ore le Marche

La magnitudo dell'evento più violento è stata di 5.7 ed è stato avvertito a Pesaro, Urbino ma anche a Roma, Firenze, Bologna fino al nord Italia. Ingv: scossa più forte da 90 anni. Scuole chiuse nelle Marche

sciame sismico tormenta da ore marche danni lievi

Terremoto nelle Marche 

AGI - Danni "lievi" e molta paura, tanto da far tornare l'incubo del terremoto del 2016: uno sciame sismico tormenta l'Italia centrale e una parte di quella settentrionale da questa mattina, quando un sisma di magnitudo 5.7, con epicentro al largo delle Marche e una profondità di circa 7 km, ha fatto sentire la propria potenza lungo tutta la costa dell'Adratico e, verso l'interno, fino a Firenze e a Roma. Dopo la prima scossa, alle 7.07, ne è arrivata una, cinque minuti dopo, di magnitudo 4.4, più o meno con lo stesso epicentro, in mare a 30 km davanti a Pesaro.

Poi, una successione di oltre una cinquantina, che si e' protratta almeno fino alle 13.30, con una scossa di 3.9 alle 13.10.

La distanza dell'epicentro dalla costa è di 30 km, ma la scossa è stata avvertita anche in Friuli e in Veneto. "Dalle prime verifiche risultano danni lievi in alcune località, ma squadre dei vigili del fuoco proseguiranno i sopralluoghi nel corso della giornata", ha spiegato la Protezione civile.

"Per eseguire le opportune verifiche di agibilità - ricorda - sono stati chiusi i plessi scolastici e sulle linee ferroviarie interessate dal terremoto, l'Adriatica tra Rimini e Varano, l'Ancona-Pesaro tra Falconara e Jesi e la Rimini-Ravenna tra Gatteo e Cesenatico, sono state svolte attività di ricognizione. Alle ore 12 è stata riaperta la circolazione ferroviaria. Le stesse attività di verifica sono state avviate e concluse sulla rete stradale e autostradale. La regione Marche ha inoltre attivato i volontari di protezione civile a supporto della popolazione".

"È stata una scossa violenta e lunghissima", hanno raccontato in tanti, colti al mattino mentre si preparavano per andare al lavoro o portare i figli a scuola. "Ero a casa, sveglio da poco: abbiamo tutti ricordi di quanto è successo anni fa (il terremoto del 2016 e 2017, ndr). La prima preoccupazione e' stata quella di attivare la vigilanza e mettere la città in sicurezza", ha detto il sindaco di Jesi, Lorenzo Fiordelmondo, che ha parlato di "ore di attesa e di paura, perche' possono registrarsi nuove scosse".

"Al momento - scrive in una nota il presidente Conferenza episcopale marchigiana (Cem), monsignor Nazzareno Marconi, vescovo di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia - si lamentano distacchi di stucchi e lesioni in alcune chiese nella zona di Senigallia e Pesaro. Di concerto con le Prefetture, i sacerdoti stanno svolgendo le prime verifiche in tutte le chiese aperte e segnalano ai vigili del fuoco eventuali problemi".

Papa Francesco, ha proseguito Marconi, "ha chiesto notizie e garantito la sua vicinanza alla popolazione colpita prima dall'alluvione ed ora dal terremoto". L'area colpita e' nota ai sismologi e geologi come un'area sismicamente attiva.

"A riprova di ciò - ha spiegato Andrea Billi, dell'Istituto di geologia ambientale e geoingegneria (Igag) del Consiglio nazionale delle ricerche - si ricordano almeno due terremoti simili nella storia delle Marche: la sequenza sismica del primo semestre del 1972 con terremoti fino a magnitudo circa 4.7 ed il terremoto, sempre nell'Anconetano, di magnitudo circa 5.7 del 23 dicembre 1690.

sciame sismico tormenta da ore marche danni lievi
Il presidente della regione Marche Francesco Acquaroli 

"Sembra che il terremoto si sia verificato in un arco di tempo piuttosto prolungato - ha detto il geologo Enrico Gennari - il che ha permesso un rilascio di energia distribuito nel tempo.

Questo aspetto è sicuramente positivo, perché non ha portato al verificarsi di un picco eccessivamente forte. In questa fase è ovvio che il sentimento prevalente sia la paura - commenta l'esperto - specialmente perche' le Marche hanno gia' sofferto parecchio a causa degli eventi sismici. L'allarmismo, però, non è mai positivo in queste situazioni, per cui si spera che le scosse registrate non saranno seguite da altri sciami".

La zona tra Pesaro e Senigallia "è notoriamente interessata da eventi sismici importanti - ha continuato - ma purtroppo non abbiamo ancora strumenti in grado di prevedere efficacemente il rischio di terremoti. Credo sia importante preparare la popolazione alla giusta percezione del rischio, ma senza diffondere panico e terrore".

"I terremoti in quell'area sono cosa molto nota: per fortuna questa mattina la 'forza' si è scaricata e attenuata in mare - ha affermato Gianluca Valensise, sismologo dell'Ingv, che mette tuttavia in guardia da un altro problema in fatto di gestione del territorio: "Per decenni sulla costa Adriatica si e' costruito senza regole antisismiche".