Rasi: "L'aumento dei casi Omicron sarà spaventosamente veloce"

Rasi: "L'aumento dei casi Omicron sarà spaventosamente veloce"

Per l'ex direttore dell'Ema e consulente del commissario straordinario Figliuolo, i contagi provenienti dalla variante sudafricana "sono ampiamente sottostimati per il problema della bassa resa dei test antigenici che erano stati fatti per altri tipi di varianti”

rasi casi covid omicron destinati salire

Guido Rasi

AGI - “Se fossimo già in ambiente completamente Omicron potremmo decidere di prendere provvedimenti sostanzialmente diversi da quelli presi per la Delta. Perché i numeri saranno spaventosamente veloci e spaventosamente alti. Quindi un’onda d’urto che va gestita in maniera un po’ diversa”. A dirlo è il professor Guido Rasi, ex direttore Ema e consulente del commissario straordinario Figliuolo, ad 'Agorà' su Rai Tre.

“Gli scenari sono tutti possibili - spiega Rasi -. Quello che è reale è che questi numeri, 200 mila di ieri, sono destinati a salire ancora e sono ampiamente sottostimati per il problema della bassa resa dei test antigenici che erano stati fatti per altri tipi di varianti e che con la Omicron mostrano tutta la loro debolezza”

Rasi viene interpellato anche sui tamponi. “Che io sappia l’unica soluzione per ora è il molecolare. Oggettivamente non è stato fatto un piano di rinforzo come era facile intuire sarebbe servito”. L'esperto non  prevede l’arrivo di nuovi test antigenici per la variante Omicron.

E sull'obblgo agli over 50 specifica: “Se è un obbligo mi sembra più di compromesso politico che di numeri epidemiologici. L’obbligo si fa o non si fa, a questo punto. Tra un 49enne e 6 mesi e un 50enne non ho capito come il virus discrimini …”.