Il brigatista latitante in Svizzera: "Salvini Non mi fa paura"

Parla Alvaro Lojacono, che partecipò alla strage di via Fani. "Rida finché è in tempo", replica il ministro, che ha sul tavolo i nomi di 30 terroristi riparati all'estero

lojacono salvini br

"Salvini? Lo trovo politicamente allucinante. Paura non me ne fa, non temo possa venire qua". Lo dice Alvaro Lojacono, all'epoca componente delle Brigate Rosse, tuttora ricercato e rifugiato in Svizzera, in un'intervista esclusiva a 'Le Iene' che andrà in onda domani alle 21,10 su Italia1. Lojacono fu coinvolto nella strage di via Fani a Roma del 1978, nell'omicidio del magistrato Girolamo Tartaglione sempre nel 1978 e nell'uccisione dello studente greco Miki Mantakas, militante Msi, nel 1975. In Italia deve scontare l'ergastolo. È fuggito in Algeria, in Brasile e poi in Svizzera, dove vive e lavora all'università.

Lojacono commenta anche le scelte politiche del ministro dell'Interno, Matteo Salvini: "Quando poi qui arrivano notizie 'bloccano le navi', mi viene da dire siete fuori di zucca o cosa?", dice il latitante, precisando che politicamente gli fa paura. Al contrario, però non teme che il ministro dell'Interno "venga fisicamente a far qualcosa, perché di grandi dichiarazioni di impegni e di arresti di esuli ce n'è a pacchi". Precisa, però, di sapere di essere il secondo della lista dei latitanti nel bersaglio del governo italiano, dopo Alessio Casimirri, il brigatista rifugiato da anni in Nicaragua.

Il ministro: "Rida ora, finché è in tempo"

Essere insultato da un assassino terrorista in vacanza in Svizzera per me è una medaglia: rida finché è in tempo, faremo tutto il possibile perché finisca finalmente in galera in Italia", è il commento del Ministro dell'Interno. Sulla scrivania di Salvini ci sono i nomi di 30 terroristi latitanti - 27 di sinistra e tre di destra. Si tratta - a quanto si apprende da fonti del Viminale - dell'elenco aggiornato che intelligence e forze dell'ordine hanno rielaborato dopo l'arresto di Cesare Battisti. Dei trenta, 14 sono localizzati in Francia.

Il governo italiano - assicurano le stesse fonti - su impulso di Salvini, è "pronto a passi ufficiali per chiedere collaborazione ai Paesi che stanno ospitando i latitanti. A partire da Parigi". L'obiettivo è assicurarli alla giustizia italiana, come avvenuto per l'ex Pac. "Se serve, sono pronto a partire per Parigi per incontrare Macron, pur di riportare in Italia questi assassini", ha detto Salvini.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.