Cos'è il gelicidio che rende pericoloso muoversi a piedi in città

Il maltempo ha preso di mira molte città del nord, un treno in Liguria fermo per 4 ore. Complicato spostarsi anche a piedi in alcuni centri

Cos'è il gelicidio che rende pericoloso muoversi a piedi in città

Oggi l’inverno ha cominciato a giocare duro in tutto il Nord Italia. Pioggia, vento ghiaccio stanno rendendo molto difficili gli spostamenti in diverse città. Anche gli spostamenti a piedi, non solo quelli in auto (per via della neve anche a bassa quota) e sui treni. Camminare diventa pericoloso per via del gelicidio, fenomeno che si verifica quando piove e la temperatura è intorno allo zero termico. Se la pioggia cade su una superficie più fredda, gela e provoca un sottile strato di ghiaccio. Si forma soprattutto su strade e marciapiedi ed è molto pericoloso perché non è molto visibile a occhio nudo, come invece lo sono il ghiaccio vero e proprio e ovviamente la neve. Quel sottilissimo strato di ghiaccio che notiamo sui parabrezza delle automobili la mattina presto e si riesce a togliere con un po’ di acqua fredda e l’avviamento del motore. Sull’asfalto della strada è molto più complicato da rimuovere perché la superficie sul quale si forma non è ovviamente liscia.

Cos'è il gelicidio che rende pericoloso muoversi a piedi in città
maltempo 

In questi giorni di inizio dicembre il gelicidio si forma con più frequenza per via del vento di tramontana che ha colpito alcune città. Il gelicidio è un fenomeno diverso dalla brina. Questa non è dovuta alla pioggia, ma al vapore acqueo contenuto nell’aria. Se la temperatura scende sotto lo zero, in assenza di vento, il vapore ghiaccia sulle superfici più fredde.

In altre parole, il gelicidio sono gocce di pioggia gelata che non riescono a trasformarsi in fiocchi di neve e si solidificano al primo contatto col terreno formando uno strato di ghiaccio molto sottile, ma anche molto scivoloso che si compatta con l’asfalto, rendendolo scivolosissimo.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it