Chi sarà presente al congresso delle famiglie di Verona

Il momento clou è il pomeriggio di sabato, con una vasta partecipazione di politici, tra cui i ministri Salvini, Fontana e Bussetti. Nella stessa giornata è prevista una contromanifestazione. Tra gli ospiti internazionali il ministro della Famiglia ungherese Katalin Novak

congresso famiglie verona
Raffaele Verderese / AGF
 Lorenzo Fontana (AGF)

"Il Vento del cambiamento: L'Europa e il Movimento Globale Pro-Family": è lo slogan della tredicesima edizione del World Congress of Families in programma a Verona da domani a domenica. Ottocento i posti disponibili per ogni singola giornata, andati immediatamente a ruba secondo quanto riferito dagli organizzatori.

Ad aprire la tre giorni sarà alle 9 di domani Brian Brown, presidente della Iof (International Organization for the Family) la rete, internazionale all'interno della quale vengono organizzati ogni anno i congressi mondiali. Presenti nella prima giornata anche il vescovo di Verona, Giuseppe Zenti, il sindaco, Federico Sboarina, che ha co-organizzato l'evento, e i governatori del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, Luca Zaia e Massimiliano Fedriga.

Nella tarda mattinata di venerdì interverrà anche Katalin Novak, ultraconservatrice ministra ungherese per la Famiglia e la Gioventù da sempre grande oppositrice delle unioni omosessuali. Alle 12 tavola rotonda con il vice segretario di stato ungherese su "La famiglia naturale: politiche e prassi in Europa".

Il secondo giorno di Wcf, il giorno clou, si apre alle 9 con don Fortunato Di Noto che prenderà parte ad una plenaria su "Fede e futuro dell'Europa" mentre alle 10.20 ci sarà una non meglio precisata "Dichiarazione Pro Vita & Famiglia" a cui oltre allo stesso Di Noto prenderanno parte anche il presidente e il vicepresidente del Wcf XIII.

Ma è a partire dalle 16 che l'evento assumerà una connotazione più politica vista la presenza dei ministri italiani Matteo Salvini, Lorenzo Fontana e Marco Bussetti, della ministra ungherese, Katalin Novak, della presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, dell'eurodeputata di Forza Italia Elisabetta Gardini e del fondatore dei Family Day Massimo Gandolfini (il tutto quasi in contemporanea con la contromanifestazione a cui parteciperanno tra gli altri Susanna Camusso, Maurizio Landini e Laura Boldrini).

Sempre sabato, ma in mattinata, è prevista anche la presenza dell'arciprete ortodosso Smirnov, noto per le sue posizioni provocatorie ("la democrazia è il male") e per aver definito le donne che scelgono l'aborto "assassine e cannibali". La giornata di domenica si aprirà infine con la plenaria di chiusura alle 9 e con le "Conversazioni - Celebrità" che vedrà la presenza del calciatore Nicola Legrottaglie e di Sammy Basso, ragazzo padovano affetto da progerie. Dalle 12.45 in poi l'evento si sposterà all'esterno con la "Marcia per la famiglia" con partenza dalla Gran Guardia verso corso Porta Nuova.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it