Il giornalismo contro la mafia. Appuntamento con #vivalitalia #abbassolamafia

Il 24 aprile in diretta streaming Paolo Borrometi e Federica Angeli parleranno con Riccardo Luna di cosa significa essere cronisti nel mirino di Cosa Nostra 

Il giornalismo contro la mafia. Appuntamento con #vivalitalia #abbassolamafia 

Sarà una giornata particolare, quella di martedì 24 aprile all’Agenzia Italia. Dalle 9 si parlerà di mafia, di giornalismo e mafia. Di giornalisti che facendo il proprio lavoro combattono la mafia, offrendo ai magistrati e ai cittadini un servizio straordinario per la difesa della legalità.

Sarà una puntata unica di Viva l’Italia, in diretta streaming sul sito dell’Agi e su Facebook, condotta dal direttore Riccardo Luna insieme a Paolo Borrometi, giornalista dell’agenzia e direttore del sito La Spia che nelle ultime settimane è stato al centro delle cronache giudiziarie per alcune intercettazioni ambientali tra boss siciliani che parlavano di ammazzarlo.

Non è la prima volta che succede. Borrometi è un giornalista che da anni vive in trincea e sotto scorta, per aver denunciato i traffici e le infiltrazioni di alcune famiglie mafiose del catanese e delle province di Ragusa e Siracusa. Ha subito un’aggressione nel 2014. È oggi uno dei giornalisti italiani più nel mirino della mafia siciliana.

Con Luna e Borrometi ci saranno Federica Angeli (la Repubblica) e don Luigi Ciotti (Libera), ci sarà Giuseppe Giulietti, presidente della Federazione Nazionale della Stampa, e tanti leader politici che in questi giorni hanno espresso la propria solidarietà a Borrometi per le minacce subite dal clan Giuliano di Pachino.

La trasmissione si intitola ‘#Vival’Italia #abbassolamafia’ e sarà anche l’occasione per tornare sulla storica sentenza della Corte d’Assise di Palermo che venerdì 20 aprile ha condannato dopo 5 anni di processo alcuni boss e diversi pezzi delle istituzioni per la ‘trattativa stato-mafia’ dopo le stragi e gli attentati all’inizio degli anni Novanta.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it