Eni gas e luce
Plenitude lancia One to Zero Challenge
Eni gas e luce

Plenitude lancia One to Zero Challenge

La call4innovation internazionale ha lo scopo di trovare soluzioni innovative per integrare i business di Plenitude contribuendo alla riduzione delle emissioni scope 3 dei propri clienti. Le candidature di startup, PMI innovative, aziende e spinoff universitari potranno essere inviate entro il 4 di novembre

Plenitude lancia One to Zero Challenge

Plenitude, Società Benefit controllata da Eni, presente sul mercato con un modello di business che integra la produzione da rinnovabili, la vendita di energia e un’ampia rete di punti di ricarica per veicoli elettrici, lancia One to Zero Challenge. Si tratta di una call4Innovation con l’obiettivo di trovare soluzioni innovative per massimizzare l’integrazione e le sinergie dei tre business di Plenitude, contribuendo, in questo modo, ad accelerare la riduzione delle emissioni Scope 3.

Cosa sono le emissioni di Scope 3? È il Greenhouse Gas Protocol, che stabilisce indicazione su scala mondiale per misurare, gestire e mitigare le emissioni di gas serra nel settore pubblico e privato. Nello specifico le Scope 1 sono emissioni dirette generate dall'azienda, la cui fonte è di proprietà o controllata dall'azienda; le Scope 2 sono emissioni indirette generate dall'energia acquistata e consumata dalla società. Le Scope 3 sono tutte le altre emissioni indirette che vengono generate dalla catena del valore dell'azienda contribuendo alla riduzione delle emissioni scope 3 dei propri clienti.

Cosa sta cercando Plenitude?

One to Zero Challenge si rivolge, a livello internazionale, a startup, PMI innovative, aziende e spinoff universitari che abbiano una soluzione, potenzialmente interessante e già commercialmente validata, per poter massimizzare il valore dell’integrazione dei 3 business di Plenitude, al fine di accelerare il traguardo del Net Zero.

La challenge si focalizza principalmente su 3 aree di interesse:

  • Nuovi prodotti, servizi e modelli di business che facciano leva sull’integrazione dei 3 business Plenitude (Servizi energetici, Rinnovabili e Mobilità Elettrica);
  • Piattaforme per supportare l’integrazione digitale dei 3 business per creare nuove sinergie;
  • Soluzioni per contribuire alla diffusione di una maggiore consapevolezza sui temi dell’energia e dei propri consumi.

L’Amministratore Delegato di Plenitude, Stefano Goberti, ha dichiarato: “One to Zero Challenge si inserisce appieno nella strategia di Plenitude di valorizzare le sinergie del proprio modello di business integrato per affiancare i clienti nella riduzione delle emissioni di CO2. In questo caso, lo facciamo coinvolgendo degli ecosistemi di innovazione internazionali che vengono chiamati a unirsi all’impegno di Plenitude per trovare soluzioni innovative a supporto del nostro percorso di crescita”.

Le candidature saranno raccolte entro il 4 di novembre a questo link e seguirà un processo di analisi e selezione delle proposte. Le 10 migliori realtà saranno quindi invitate a presentare la propria soluzione davanti al comitato di valutazione finale ad inizio 2023 e quelle ritenute di maggior valore potranno accedere alle competenze, agli asset e all’expertise della Società per approfondire possibili collaborazioni. Inoltre, per una startup ci sarà l’opportunità di presentare la propria soluzione direttamente al Selection Day di ZERO, l’Acceleratore italiano Cleantech lanciato da CDP, Eni, LVenture Group ed ELIS.

Plenitude fornisce energia a circa 10 milioni di clienti europei nel mercato retail e ha l’obiettivo di raggiungere oltre 2 GW di capacità installata da fonti rinnovabili entro la fine del 2022, oltre 6 GW entro il 2025 e oltre 15 GW entro il 2030". Da luglio 2021 è diventata Società Benefit, che integra all’interno del proprio Statuto l’obiettivo di avere un impatto positivo sulle persone, le comunità e l’ambiente.

Scopri l’impegno di Plenitude per creare valore attraverso la transizione energetica.