Durante il corteo a favore del diritto all'aborto a Milano, cori contro Meloni

Durante il corteo a favore del diritto all'aborto a Milano, cori contro Meloni

Manuela D'Alessandro

AGI - Un migliaio di giovani, tra cui molti studenti, ha sfilato in corteo a Milano per manifestare a favore del diritto all'aborto "all'indomani della vittoria di Giorgia Meloni che lo mette in pericolo". La manifestazione è stata promossa dal movimento 'Non una di meno' e si è conclusa con un presidio e lancio di fumogeni davanti alla clinica ginecologica Mangiagalli.

Nessun incidente, solo qualche epiteto "fascista" contro un uomo affacciato a una finestra che ha mostrato di non gradire i 'contenuti' della protesta. Facce giovani per slogan e canti 'antichi' come 'Ora e sempre resistenza' e 'Bella Ciao' e ripetuti riferimenti al "neofascismo" attribuito a Meloni e al suo partito. Ma anche un 'ciao, ciao' dedicato a "Giorgia", così i manifestanti la chiamano, sulle note del successo della 'Rappresentante di Lista'.