Berrettini vola in semifinale al Queen's

Berrettini vola in semifinale al Queen's

Il numero uno del tennis italiano ha battuto, 6-4 6-2, l'americano Paul e si giocherà l'accesso in finale con il 26enne olandese Botic van de Zandschulp

berrettini queens torneo erba semifinale

Matteo Berrettini

AGI - Meno di 24 ore dopo essere 'sopravvissuto' a Denis Kudla (superato agli ottavi in tre set dopo due ore e 46 minuti) Matteo Berrettini torna in campo al torneo del Queen's di Londra e supera senza troppa fatica un altro americano, Tommy Paul, n. 35 del mondo. L'Italiano ha vinto 6-4 6-2 recuperando dopo l'1-4 iniziale e arrivando così in semifinale.

Il tennista romano, n.10 del mondo, vendica così la sconfitta nell'unico precedente, quest'anno sul cemento di Acapulco quando fu costretto al ritiro per un problema agli addominali sul punteggio di 6-4, 1-5.

Matteo Berrettini ha ottenuto la nona vittoria consecutiva nel suo percorso della stagione sull'erba, arricchendo di ulteriori successi il proprio storico su questa superficie (18 successi negli ultimi 19 incontri affrontati, unica sconfitta in finale a Wimbledon contro Novak Djokovic nel 2022). Per il tennista romano in semifinale c'è il 26enne olandese Botic van de Zandschulp, n.29 del mondo.

Non esattamente un ostacolo insormontabile per Berrettini che può pensare di riuscire ad arrivare in finale (dove unica testa di serie ancora in gara e possibile avversario è Marin Cilic) e vincere il suo secondo torneo consecutivo sull'erba a 10 settimane dall'operazione al polso.

"Oggi non ho cominciato come volevo - ha detto Berrettini a fine match, ricordando il parziale di 1-4 nel primo set - c'era molto vento, ma poi ho sentito che il mio tennis è cresciuto".

Tornato in campo e subito in gran forma, quest'anno il tennista romano potrebbe aspirare concretamente alla vittoria di Wimbledon, sfuggitagli lo scorso anno solo per mano di un immenso Novak Djokovic.

"Ora voglio pensare a vincere questo torneo, poi avrò esattamente una settimana di pausa e a Wimbledon cercherò di fare meglio dello scorso anno", la battuta del n.1 d'Italia.