Sofia Goggia centra la doppietta nella discesa libera a Lake Louise

Sofia Goggia centra la doppietta nella discesa libera a Lake Louise

Sono due anni che l'azzurra non cede il pettorale rosso da leader nella specialità regina dello sci alpino: "A pensarci bene, è incredibile"

goggia discesa libera lake louise

© Chris Moseley/ AFP - Il podio di Lake Louise: da sinistra Suter, Goggia e Huetter

AGI - Sofia Goggia è sempre più un 'fenomeno' della discesa libera femminile e nella serata italiana ha concesso il bis sulle nevi di Lake Louise. In 24 ore la campionessa azzurra nella località canadese ha concesso la doppietta nella specialita' 'Regina' dello sci alpino centrando la diciannovesima vittoria in Coppa del mondo. Per 'Sofi' è anche il quinto trionfo consecutivo nella località dello Stato dell'Alberta. Quella ottenuta dalla finanziera bergamasca è anche il 114/o successo della storia dell'Italia al femminile in Coppa.

Sulla 'Men's Olympic' di Lake Louise, Goggia dopo aver fatto segnare una velocità massima di 135.85 chilometri orari nella parte alta del tracciato, ha fatto la differenza nel secondo tratto sfruttando la sua grande scorrevolezza sugli sci. Seconda l'austriaca Nina Ortlieb, figlia d'arte (suo padre Patrick è stato un grande della discesa negli anni '90), a 34 centesimi, terza la svizzera Corinne Suter a 37 con quarta un'altra elvetica, Joana Haehlen a 59.

"Sono molto felice e soddisfatta perché ho vinto due discese su due era l'obiettivo che mi ero prefissata e, a pensarci bene, è incredibile che da due anni indosso il pettorale rosso". È stato questo il commento di Sofia Goggia, che dal 19 dicembre del 2020 che indossa ininterrottamente il distintivo di leader della discesa libera in Coppa. L'azzurra nella località canadese ha centrato la diciannovesima vittoria della carriera, la quattordicesima in discesa.

"Dal coaches' corner in giù, ho sciato esattamente come volevo, infilando le linee volute - ha aggiunto la campionessa olimpica di discesa di PyeongChang 2018 e vicecampionessa lo scorso febbraio a Pechino 2022 -. Sicuramente il vento mi ha dato fastidio in uscita dal piano ma nel complesso ho condotto una gara molto più concreta rispetto a quella del giorno prima anche perché disponevo di un set up vincente".