Ecco che cosa ha detto Djokovic sugli "errori" nella vicenda australiana

Ecco che cosa ha detto Djokovic sugli "errori" nella vicenda australiana

Il tennista numero uno al mondo si spiega  su Instagram e si scusa per il suo agente "ha spuntato la casella errata"

cosa ha detto Djokovic Covid

© PEDJA MILOSAVLJEVIC / AFP
-

AGI - Novak Djokovic ha ammesso errori nei suoi documenti di viaggio australiani e nel suo comportamento dopo essere risultato positivo al test del coronavirus.

 Ecco il testo integrale della sua dichiarazione, pubblicata sui social: "Voglio affrontare la continua disinformazione sulle mie attività e sulla partecipazione agli eventi di dicembre in vista del mio risultato positivo al test Pcr Covid. Questa è una disinformazione che deve essere corretta, in particolare nell'interesse di alleviare la preoccupazione più ampia nella comunità sulla mia presenza in Australia, e per affrontare questioni che sono molto dolorose e riguardano la mia famiglia. Voglio sottolineare - ha affermato il numero uno del tennis - che mi sono adoperato molto per garantire la sicurezza di tutti e il mio rispetto degli obblighi di test".

E ha spiegato: "Ho assistito a una partita di basket a Belgrado il 14 dicembre, dopo di che è stato riferito che un certo numero di persone è risultato positivo al Covid. Nonostante non avessi i sintomi del Covid, il 16 dicembre ho fatto un test antigenico rapido che è risultato negativo e per maggiore cautela lo stesso giorno ho eseguito un test molecolare (Prc)".

"Il giorno successivo ho partecipato a un evento di tennis a Belgrado per consegnare premi ai bambini e ho fatto un test rapido dell'antigene prima di andare all'evento, ed è stato negativo. Ero asintomatico e mi sentivo bene - ha insisito - e non avevo ricevuto la notifica di un risultato positivo del test PCR fino a dopo quell'evento".

E ancora: "Il giorno successivo, il 18 dicembre, mi trovavo al mio centro di tennis a Belgrado per adempiere a un impegno di lunga data per un'intervista e un servizio fotografico a L'Equipe. Ho cancellato tutti gli altri eventi tranne l'intervista a L'Equipe. Mi sono sentito obbligato ad andare avanti e a fare l'intervista a L'Equipe perché non volevo deludere il giornalista, ma mi sono assicurato di restare a distanza di sicurezza e di indossare la mascherina, tranne quando mi è stata scattata una foto. Mentre tornavo a casa dopo il colloquio per isolarmi per il periodo richiesto - ha continuato - riflettendoci, ho capito che il mio è stato un errore di giudizio e ammetto che avrei dovuto rimandare l'appuntamento".

Sulla questione della dichiarazione di viaggio, ha continuato, "questa è stata presentata dal mio team di supporto per mio conto - come ho detto ai funzionari dell'immigrazione al mio arrivo - e il mio agente si scusa sinceramente per l'errore amministrativo nello spuntare la casella errata sul mio viaggio precedente all'arrivo in Australia. Questo è stato un errore umano e certamente non intenzionale. Viviamo in tempi difficili in una pandemia globale e a volte possono verificarsi questi errori. Oggi il mio team ha fornito ulteriori informazioni al governo australiano per chiarire la vicenda. Sebbene ritenessi importante affrontare e chiarire la disinformazione, non farò ulteriori commenti per il massimo rispetto del governo australiano, delle loro autorità e dell'attuale processo".

Ha quindi aggiunto: "È sempre un onore e un privilegio giocare agli Australian Open. L'Australian Open è molto amato dai giocatori, dai fan e dalla comunità, non solo a Victoria e in Australia, ma in tutto il mondo - ha concluso - e voglio solo avere l'opportunità di competere contro i migliori giocatori ed esibirmi davanti a un pubblico fra i migliori del mondo".