Federica Pellegrini si qualifica nei 200 stile libero per le Olimpiadi di Tokyo

Federica Pellegrini si qualifica nei 200 stile libero per le Olimpiadi di Tokyo

Agli Assoluti primaverili di nuoto di Riccione 'La Diva' ha vinto i 200 stile libero in 1'56"69 centrando il pass per quelle che saranno i quinti Olimpici della carriera

nuoto pellegrini qualifica olimpiadi tokyo

© STEPHANE KEMPINAIRE / KMSP 
- Federica Pellegrini

AGI –  Federica Pellegrini vincendo i 200 stile libero in 1’56”69 agli Assoluti primaverili di nuoto di Riccione ha centrato il pass per le Olimpiadi di Tokyo.

Alle spalle della fuoriclasse del nuoto italiano, al 24/o titolo tricolore, Margherita Panziera (1’59”52) e Stefania Pirozzi (2’00”38).

Per Pellegrini, 32 anni, soprannominata ‘La Divina’, quelle di Tokyo saranno le quinte Olimpiadi della carriera, 17 anni dopo la prima di Atene 2004 dove conquistò l’argento.

Nel 2008 a Pechino, Federica si era laureata campionessa olimpica dei 200 stile libero. 

Per il nuoto è stata una giornata importante anche per altri importanti risultati: Martina Carraro ha vinto i 100 rana dei Campionati italiani primaverili con il nuovo primato italiano di 1'05"86, tempo che vale anche il pass per le Olimpiadi di Tokyo 2020.

Carraro, 27 anni, genovese, e' la prima donna italiana a scendere sotto l'1'06" nella specialita'. Alle spalle di Martina, ex aequo con 1'06"00, Arianna Castiglioni e Benedetta Pilato. Quest'ultima, già qualificata per le Olimpiadi che scatteranno il 23 luglio prossimo, era la precedente detentrice del primato nazionale (1'06"02 - 17 dicembre 2020 sempre a Riccione). 

Nicolò Martinenghi nella finale dei 50 rana nuotati in 26"39 ha ritoccato il suo primato nazionale. L' atleta 21enne di Varese ha preceduto Alessandro Pinzuti (27"22) e Simone Cerasuolo (27"50).

Il 26"39 di Martinenghi si inserisce al terzo posto all-time alle spalle del primato mondiale ed europeo di 25"95 del britannico Adam Peaty e del 26"33 del brasiliano Felipe Lima. Il crono ottenuto nella sessione pomeridiana ha consentito all'azzurro di sorpassare nella graduatoria il carioca Joao Gomex jr (26"42).