La pallettata alla giudice di linea e la squalifica. Djokovic si scusa: "Mi sento triste"

La pallettata alla giudice di linea e la squalifica. Djokovic si scusa: "Mi sento triste"

Il numero 1 del mondo era sotto 5-6 nel primo set, quando ha colpito la palla con forza in evidente disappunto verso la direzione. Poi l'ammenda su Instagram

novak djokovic squalificato us open

© CHINE NOUVELLE/SIPA / AGF 
-  Novak Djokovic, sui campi da tennis

AGI - Le scuse sono arrivate in serata su Instagram: "Tutta questa situazione mi ha lasciato davvero triste e vuoto", ha scritto sui social. A fare ammenda è Novak Djokovic, il numero uno al mondo del tennis, dopo la clamorosa squalifica squalifica agli US Open. 

Il gesto plateale che gli è costato l'esclusione dal torneo è avvenuto durante la gara degli ottavi di finale contro lo spagnolo Carreno Busta: il tennista serbo ha colpito una giudice di linea scagliando con forza una palla. 

La pallettata alla giudice di linea

Il fuoriclasse del mondo era sotto 5-6 nel primo set, quando ha colpito la palla con forza in evidente disappunto verso la direzione arbitrale. Dopo essere stata colpita, la giudice di linea è caduta sul terreno dell'Arthur Ashe, tenendosi la gola. Djokovic si è precipitato a controllare le sue condizioni e le ha messo una mano sulla spalla. Dopo pochi minuti la giudice si è alzata ed è uscita dal campo. Al termine delle consultazioni, ha assegnato la vittoria a Busta.

La partita si è conclusa con una stretta di mano tra i due avversari, ma Djokovic non ha fatto lo stesso gesto di distensione con l'arbitro, guadagnandosi così un triste primato: rimane uno dei pochi giocatori ad essere squalificato da un torneo di singolare maschile in un Grande Slam da quando John McEnroe fu escluso dagli Australian Open nel 1990.

Le scuse

Solo in serata, probabilmente, ha realizzato la gravità del suo atteggiamento: "Grazie a Dio si sente bene, sono estremamente dispiaciuto per averle causato un tale stress", ha scritto nel comunicato.: “Tutta questa situazione mi ha lasciato triste e vuoto", ha scritto Nole, "ho controllato le condizioni della giudice di linea, grazie a Dio sta bene. Mi dispiace di averle causato tanto stress, così involontario, così sbagliato. Non rivelo il suo nome per rispetto della privacy. Dopo la squalifica, ho bisogno di ritornare e lavorare sulla mia delusione, trasformando il dispiacere in una lezione per la mia crescita ed evoluzione come giocatore ed essere umano. Mi scuso con chi lavora negli Us Open per il mio comportamento. Sono grato alla mia famiglia e al mio team per essermi di supporto, e a tutti i miei fan che sono sempre con me. Grazie e mi dispiace tanto”.