Tavecchio, dimissioni al veleno. La cronaca dell'addio via Twitter

Il presidente della Federcalcio si è dimesso. Con una conferenza stampa vulcanica. Ecco che cosa ha detto e come l'hanno presa sul social network

Tavecchio, dimissioni al veleno. La cronaca dell'addio via Twitter
 Afp
 Carlo Tavecchio

Incapaci di fare gol. Questo purtroppo è stato il difetto principale della nazionale italiana nello spareggio contro la Svezia che ci ha escluso dai mondiali. Per questo l'allenatore, Gian Piero Ventura, è stato esonerato. Oggi, tuttavia, il quadro si è completato: il presidente della FIGC, Carlo Tavecchio, dopo giorni di pressione, si è dimesso. È rimasto fermo al palo, vinto dalla tristezza. E saranno in molti a ricordarlo così.   


Lo hanno aspettato in tanti, giornalisti e fotografi, tutti attentissimi e trepidanti davanti alla scrivania e alla sedia che lo avrebbe ospitato per quella che, nessuno l’avrebbe mai detto, si sarebbe rivelata una vera resa dei conti.  

Tavecchio, dimissioni al veleno. La cronaca dell'addio via Twitter
 Afp
 Carlo Tavecchio

Prima della conferenza stampa: l'attesa


Ma anche a casa c'è gente che si è organizzata benissimo. 


Poi Tavecchio è arrivato, e anche la sua firma.


Dimissioni attese, urlate, volute dalla maggior parte degli italiani. E anche inaspettate visto che, fino a venerdì scorso, non erano davvero prevedibili. Soprattutto dopo che, anche la FIFA aveva deciso di appoggiare Tavecchio attraverso le parole del presidente Gianni Infantino. A volte però l’insistenza paga.     


L'esito della giornata di oggi, del resto, lo aveva anticipato Stefano Bartezzaghi sulle pagine di Repubblica con un'anagramma geniale: "Altrove, cacchio".  

Quindi? A che punto siamo adesso? Il riassunto è gentilmente offerto da Angelo Mangiante, giornalista di Sky Sport. 


C'è chi evoca il passato e frasi storiche. Non c'è Beppe, né Berlino. Ma molti esultano allo stesso modo. 


E chi torna ancora più indietro... 

L'importante è non perdere mai la speranza 

Dimissioni solitarie. Almeno a quanto dice lo stesso Tavecchio 

È tutto un tradimento, inaspettato, frutto delle pressioni ricevute.

Beh, non c'erano dubbi no? 

La conferenza stampa: un discorso rabbioso (e un po’ delirante)

Non tutti hanno apprezzato le parole che hanno accompagnato le dimissioni. Tavecchio, in un vero show, ha parlato per dieci minuti ed è apparso molto scosso e provato. Ma l'ironia del web non ha avuto pietà e non ha risparmiato battute e prese in giro.  

Scusate il francesismo. Anzi, I francesismi. Era meglio restare all’italiano.  

Diciamo che le metafore non sono proprio l’arma comunicativa migliore di Carlo Tavecchio 

Niente, neanche questa l'abbiamo capita 

Questa un po’ meglio.

Ma forse è una tattica per riconquistarsi le simpatie perdute 

Avete presente quei discorsi per cui:  

"Sei libero stasera?" 

"No, devo guardare il gatto che guarda fuori dalla finestra".  

Almeno ha riconosciuto le sue colpe, o no? 

Poi ci sono I meriti. Che si attribuisce da solo, parlando in terza persona.

E anche parlando di Var... 

Il discorso, riassunto in tre passi, mostra in fondo che Tavecchio non ha perso smalto.  

And the winner is...

Insomma… Tavecchio rappresenta il Paese o no? 

Per chi si fosse dimenticato gli anni di Tavecchio.

L'altezza invece è lui stesso a ricordarcela (in maniera un po' strana). 

Le passioni di Tavecchio: il calcetto.

E le boccette. 

Insomma. Oggi termina l'avventura di Carlo Tavecchio come Presidente della FIGC. Con un discorso che verrà ricordato per molto tempo.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it