Colpo dell'Empoli a San Siro, Inter battuta 1-0

Colpo dell'Empoli a San Siro, Inter battuta 1-0

Dopo il trionfo in Supercoppa, i nerazzurri tornano sulla terra con un clamoroso ko casalingo. Gli uomini di Zanetti prevalgono con una rete di Baldanzi, classe 2003, appena alzatosi dalla panchina

inter empoli serie a

© Federico Proietti/ AFP - Paolo Zanetti

AGI - Reduce dal bel trionfo in Supercoppa con il Milan, l'Inter torna sulla terra e lo fa in malo modo rimediando un clamoroso ko casalingo contro l'Empoli, giocando oltre un tempo in inferiorità numerica per l'espulsione di Skriniar (doppio giallo). A San Siro finisce 1-0 con il sigillo del classe 2003 Baldanzi, appena entrato dalla panchina.

Sconfitta dolorosa per la squadra di Inzaghi, che resta ferma a 37 punti perdendo la chance di salire momentaneamente al secondo posto, mentre gli uomini di Zanetti centrano il quinto risultato utile di fila (3 vittorie e 2 pareggi) portandosi a quota 25. Dopo i primissimi minuti di gioco a ritmi bassi, il match si accende e per due volte gli ospiti vanno vicini al vantaggio: prima Cambiaghi viene respinto da Onana, poi Caputo calcia di mancino trovando l'intervento di De Vrij e Skriniar in scivolata. I nerazzurri si scuotono e rispondono subito con un tentativo al volo di Dimarco sventato da Vicario, mentre al 32' Lautaro fallisce sotto porta dopo un tocco al centro dello stesso terzino interista.

A ridosso dell'intervallo si complica la gara degli uomini di Inzaghi, che restano in inferiorità numerica per il doppio giallo rimediato da Skriniar. Nella ripresa l'Empoli prova ad approfittarne e, dopo aver creato altre due occasioni con Cambiaghi e Bajrami, trova il vantaggio al 66' con il giovanissimo neo entrato Baldanzi, che colpisce in piena area sorprendendo Onana per l'1-0 ospite. L'Inter non ci sta e una decina di minuti più tardi sfiora il pareggio su corner, con una deviazione fortuita di Luperto che si stampa sulla traversa. Nel finale i nerazzurri tentano il tutto per tutto per limitare i danni, ma gli ultimi assalti alla porta di Vicario non vanno a buon fine.