Con l'aumento dei contagi il governo è pronto a chiudere gli stadi ai tifosi

Con l'aumento dei contagi il governo è pronto a chiudere gli stadi ai tifosi

In una telefonata che il premier Mario Draghi ha fatto al presidente della Federcalcio Gravina è stata manifestata la preoccupazione del Governo in merito ai numeri sempre più pesanti della pandemia

governo pronto a far disputare partite di calcio a porte chiuse

© Federico Proietti Sync / AGF 
- Una partita allo stadio Ollimpico senza pubblico 

AGI - Ipotesi di stadi a porte chiuse per la Serie A. In Lega Calcio si doveva parlare della situazione dei diritti audiovisivi nell'area del Medio Oriente e del Nord Africa ma, come era facilmente prevedibile, il tema principale di cui hanno parlato le società di Serie A è stato quello relativo all'emergenza Covid in ottica campionato. 

L'aspetto più importante è stato quello relativo alla telefonata che il premier Mario Draghi ha fatto al presidente della Federcalcio Gravina, telefonata il cui contenuto è stato poi riportato nell'assemblea della Lega Serie A dal numero uno di Via Rosellini Dal Pino a tutti i presidenti. 

Nel colloquio, informale e nell'ottica della collaborazione tra le istituzioni, Draghi ha manifestato la preoccupazione del Governo in merito ai numeri sempre più pesanti della pandemia, denunciando notizie su come il mondo del calcio intende affrontare le settimane. 

Gravina ha ribadito lo stop ai campionati dalla Serie B al calcio giovanile e dilettantistico (se pur con tempi differenti, la B ripartirà il 14 gennaio), ma ha anche fatto presente che la Lega Serie A non intende fermarsi, come è stato anche ribadito nella successiva nota diramata al termine dei lavori.

Dal Pino, in assemblea, ha anche proposto ai presidenti di valutare l'ipotesi di un'autoriduzione spontanea della capienza degli stadi, anche se per il momento le società hanno espresso parere negativo. 

Il rischio, come ha fatto capire lo stesso Draghi a Gravina, è che se la situazione peggiorasse il Governo potrebbe decidere di far disputare le gare a porte chiuse