L'Inter batte lo Shakhtar a San Siro e passa agli ottavi con una gara di anticipo

L'Inter batte lo Shakhtar a San Siro e passa agli ottavi con una gara di anticipo

Al Meazza decide Dzeko con 2 reti, il tabù Donetsk dopo tre 0-0 consecutivi

inter batte shaktar e si qualifica ottavi champions

© PIERO CRUCIATTI / ANADOLU AGENCY / ANADOLU AGENCY VIA AFP - Edin Dzeko esulta dopo il primo gol

AGI - Dopo tre incredibili 0-0 consecutivi, l'Inter riesce ad avere finalmente la meglio sullo Shakhtar Donetsk, vincendo in casa 2-0 grazie alla straordinaria doppietta di Dzeko. Un successo che permette alla squadra di Inzaghi di passare agli ottavi di Champions League, che ai nerazzurri mancano da dieci anni: lo Sheriff è stato sconfitto dal Real Madrid nella sfida delle 21. Ora l'ultima sfida proprio contro il Real deciderà il primo posto nel girone.

Tantissime emozioni nel primo tempo di San Siro, seppur il punteggio resti inchiodato sullo 0-0 fino all'intervallo. Come da copione sono i nerazzurri a fare la gara e costruire le migliori occasioni da gol: da Barella a Lautaro, passando per la grande doppia chances fallita da Dzeko, giusto qualche istante dopo il gol annullato a Perisic per precedente fuorigioco millimetrico di Darmian.

Poca fortuna e poca lucidità sotto porta per gli uomini di Inzaghi, che invece dietro rischiano su qualche ripartenza degli ucraini, autori comunque di una buona prova. Nella ripresa l'Inter continua a premere e al 57' trova un altro possibile gol del vantaggio, anche stavolta però annullato per un fallo di Lautaro Martinez poco prima della conclusione a rete.

Gioia nerazzurra rimandata giusto di qualche minuto, perché al 62' ci pensa Dzeko a stappare meritatamente la partita al termine di un'azione corale di ripartenza da applausi. Il bosniaco si ripete anche al 67', mettendo dentro di testa la sua doppietta personale sul cross perfetto di uno scatenato Perisic.

Nel finale lo Shakhtar prova con orgoglio a riaprire il discorso, ma è sfortunatissima nel colpire un palo interno con Dodo all'82', che avrebbe reso piu' teso ed intenso l'ultimissimo spicchio di gara.