Impresa Milan a Madrid: battuto l'Atletico e ora testa a Liverpool

Impresa Milan a Madrid: battuto l'Atletico e ora testa a Liverpool

Un gol di Messias a tre minuti dalla fine decide la sfida del Wanda Metropolitano. Ora battendo gli inglesi nell'ultima giornata il sogno ottavi potrebbe avverarsi

impresa milan batte atletico madrid e ora spera

© JOSE BRETON / NURPHOTO / NURPHOTO VIA AFP - L'esultanza dei rossoneri dopo il gol di Messias all'87'

AGI - Il Milan compie l'impresa al Wanda Metropolitano e continua a sperare nell'incredibile miracolo di qualificazione agli ottavi di Champions League. Battuto l'Atletico Madrid 1-0 grazie al sigillo nel finale di Messias. La squadra di Pioli ottiene così il primo successo europeo salendo a 4 punti alla pari dei colchoneros, accorciando anche sul secondo posto del Porto battuto dal Liverpool (2-0).

Tutto aperto quindi in vista dell'ultima gara del girone, in cui il Milan se la vedrà con la corazzata di Klopp. Il primo tempo è giocato a buoni ritmi da entrambe le squadre, ma senza grandissime emozioni.

Dopo tre minuti arriva il primo brivido per i rossoneri, con De Paul che chiama al miracolo Tatarusanu. Eventuale gol che sarebbe stato annullato per fuorigioco di Carrasco. Per il resto poche occasioni e tanta lotta in mezzo al campo.

L'unico vero pericolo milanista lo porta Theo Hernandez con un mancino potente ma impreciso da posizione defilata. Nella ripresa il copione non cambia piu' di tanto e la gara resta molto chiusa, senza regalare particolari spunti.

Giusto al 72' arriva la prima vera palla gol per gli uomini di Pioli, costruita da tutti neo entrati in campo: Messias sfonda a sinistra su servizio di Ibrahimovic, servendo poi al centro Bakayoko che viene murato provvidenzialmente da Savic.

Lo 0-0 sembra scritto e il Milan spacciato, ma all'87' arriva l'incredibile match point firmato da Messias, che s'inserisce alla perfezione sul traversone di Kessie battendo di testa Oblak. L'Atletico fallisci in pieno recupero la palla del pareggio: clamorosa occasione fallita da Cuna, che al 91' spreca tutto a due passi da Tatarusanu lasciando aperte e vive le speranze rossonere.