L'Uefa apre un'inchiesta sui cori omofobi in Germania-Ungheria

L'Uefa apre un'inchiesta sui cori omofobi in Germania-Ungheria

Nominato un ispettore etico per la partita del 23 giugno a Monaco di Baviera. I tifosi magiari avevano insultato quelli tedeschi chiamandoli "omosessuali"

europei uefa apre inchiesta cori omofobi germania ungheria

© AFP -  I tifosi ungheresi a Monaco di Baviera

AGI - L'Uefa ha aperto un'inchiesta sui cori omofobi in Germania-Ungheria, la partita degli europei di calcio disputata mercoledì a Monaco di Baviera. E' stato nominato un ispettore etico e disciplinare per indagare su "possibili incidenti discriminatori" alla Football Arena di Monaco, ha reso noto la federazione europea alludendo a "comportamenti sulle tribune". La nomina è il primo passo per ricostruire i fatti prima di infliggere eventuali sanzioni.

Le tensioni all'Arena di Monaco

In uno stadio pieno di bandiere arcobaleno per denunciare la legge voluta dal premier ungherese, Viktor Orban, considerata discriminatoria verso la comunità Lgbti, i tifosi magiari avevano intonato cori omofobi come “Tedeschi, tedeschi omosessuali“, in particolare dopo il gol del definitivo 2-2 del centrocampista tedesco Leon Goretzka. Due tifosi ungheresi erano stati inoltre fotografati con uno striscione di contenuto omofobo.

Le tensioni tra i tifosi

C'erano stati anche momenti di tensione tra tifosi ungheresi e quelli tedeschi che li insultavano per le loro posizioni omofobe ma la polizia ha evitato che venissero a contatto.