Champions e retrocessione, partono due incertissimi 'mini tornei'

Champions e retrocessione, partono due incertissimi 'mini tornei'

Assegnato lo scudetto, tutto ancora da decidere nel gruppetto di testa e in quello di coda per gli ultimi verdetti del campionato a quattro giornate dalla fine

zona champions retrocessione 

© PIER MARCO TACCA / ANADOLU AGENCY / ANADOLU AGENCY VIA AFP - Milan-Juventus

AGI - Terminata la corsa allo Scudetto che ha riportato l'Inter sul tetto d'Italia dopo 11 anni, restano ora da disputare solo quattro giornate per chiudere il campionato e capire come finirà la volata per la qualificazione alla prossima Champions League, oltre a scoprire chi saluterà la Serie A dopo la matematica retrocessione del Crotone (domani potrebbe aggiungersi il Parma in caso di sconfitta con il Torino).

Dietro ai nerazzurri campioni d'Italia si fa serrata la battaglia per i restanti tre posti nell'Europa che conta: Atalanta, Milan e Juventus a quota 69, Napoli a 67 e Lazio a 64 con una gara da recuperare. Tutto in bilico e tutto incredibilmente entusiasmante come non succedeva da anni. La squadra di Pioli si è ripresa dopo due ko di fila e ha riagguantato i bergamaschi (fermati dal Sassuolo), formando un terzetto da paura insieme alla Juventus (vincente nel finale a Udine).

Insieme a loro poteva esserci anche il Napoli, beffato dal Cagliari a tempo scaduto. Proprio nella prossima giornata ci sarà un faccia a faccia da urlo tra la squadra di Pirlo e i rossoneri. Sono proprio Juve e Milan ad avere sulla carta i calendari più complicati, perché oltre allo scontro diretto, i bianconeri affronteranno alla penultima l'Inter che seppur già campione se la vorrà giocare, mentre Ibra e compagni nell'ultimo appuntamento faranno visita all'Atalanta.

Più 'leggeri' i calendari delle altre, con la sola Lazio che oltre alla sfida da recuperare con il Torino, dovrà giocare il derby con la Roma. Per quanto riguarda la lotta salvezza, invece, con il Crotone già retrocesso e il Parma ormai spacciato, sono almeno quattro le compagini a sfidarsi per evitare la terzultima posizione.

Al momento sarebbe condannato il Benevento, autore di una seconda parte di stagione da incubo dopo esser stata una delle sorprese delle prime giornate. Il calendario potrebbe aiutare in termini di scontri diretti (con Cagliari e Torino), ma servirà un miracolo agli uomini di Inzaghi. Sicuramente più in forma proprio i sardi e i granata, che oltre ad una condizione fisica apparsa migliore in questo finale di stagione, possono contare su una maggior qualità della rosa per restare in Serie A.

Se è vero che la matematica non salvi ancora nessuno addirittura fino alla Sampdoria (nona in classifica), l'altra che rischia di più è lo Spezia, troppo in ombra in questo finale di stagione e solo a +3 sul terzultimo posto. Nel limbo anche Genoa e Fiorentina, ma dovrebbe succedere una catastrofe per vedere una di queste due retrocedere. Il mini torneo da quattro giornate sta per iniziare, gli ultimi verdetti della Serie A saranno affidati ai restanti 360 minuti da giocare.