Mc Donald's ha perso 6 milioni di dollari a causa dei Raptors

La grande cavalcata della squadra canadese in NBA sta costando moltissimi soldi alla catena dei fast food. Tutto per colpa di un accordo firmato prima dell'arrivo di Kawhi Leonard

toronto raptors mcdonalds patatine
THEARON W. HENDERSON / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP
 Kawhi Leonard, Toronto Raptors

Ci sono accordi che possono costare carissimo. Lo sa bene Mc Donald's che, la scorsa estate, diciotto giorni prima dell'arrivo di Kawhi Leonard e Danny Green, aveva stretto un accordo con i Toronto Raptors dal sapore apparentemente innocuo: patatine gratis ad ogni partita con almeno 12 triple a segno. 

La cavalcata di Toronto, che stanotte si giocherà la possibilità di vincere il titolo in gara 5 delle finali contro Golden State, ha fatto impennare le triple, le vittorie, gli ordini delle patatine e le perdite, in questa campagna, da parte del brand. 

Chuck Coolen, responsabile marketing per McDonald's nel Canada orientale, ha spiegato che il piano di marketing era basata su una promozione precedente stretta con un'altra squadra professionistica: i Montreal Canadiens della NHL, la lega professionistica di hockey. E siglato prima dello scambio tra Toronto e San Antonio. L'arrivo dei due giocatori ha suscitato grande entusiasmo in Canada tanto da moltiplicare a dismisura l'interesse per la squadra e per il campionato NBA.

 

Non era affatto strano, durante la stagione regolare, sentire il boato di gioia della ScotiaBank Arena, casa dei Raptors, in momenti apparentemente normali del match. Il motivo era semplice: la retina del canestro si era appena mossa per accogliere il dodicesimo canestro da tre della partita. Tempo, per i negozi della catena, di accendere le friggitrici e regalare patatine ai sostenitori. 

Ma perché Mc Donald's ha deciso di stringere un accordo di questo tipo? Anche qui la risposta non è difficile. Sono i dati a parlare: la squadra canadese aveva chiuso la passata stagione con 11,8 canestri da tre di media per partita. La stima, come scrive il Financial Times. era di un ordine complessivo da 700 mila ordini. Poi, però, sono arrivati Leonard e Green (13 esimo nella classifica dei migliori realizzatori da tre punti) e il gioco di Toronto è cambiato. Il risultato? Siamo già sopra i 2 milioni di ordini per un totale di quasi sei milioni di dollari di spesa non preventivata.

Ma la catena di fast food, conti alla mano, può dirsi soddisfatta della stagione dei Raptors. Una stagione così vincente ha portato più persone a consumare cibo durante le partite. Per ottenere le patatine gratis, inoltre, è necessario scaricare l'applicazione. Più scaricamenti, più pubblicità, più contatti. In generale, più visibilità. Il modo migliore per compensare quella marea di patatine fritte regalate in Ontario.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.