Basket, Shengelia firma per il Cska Mosca e scatena le proteste in Georgia

Basket, Shengelia firma per il Cska Mosca e scatena le proteste in Georgia

Il capitano della nazionale georgiana ha deciso di vestire la maglia del principale club nonostante il suo Paese abbia interrotto i rapporti con la Russia nel 2008. Il messaggio della presidente su Facebook: "Scelta inaccettabile". Ma l'ala si difende: "Giocherò solo a basket"

basket shengelia cska mosca proteste georgia

Tornike Shengelia

AGI - La decisione di Tornike Shengelia di vestire la maglia del Cska Mosca, club russo tra i piu' forti d'Europa, non è passata inosservata. Il cestista georgiano, punto di riferimento per il movimento nazionale, ha deciso di soprassedere i dissidi esistenti tra il suo Paese e la Russia per provare a vincere l'Euroleague, massima competizione cestistica del vecchio Continente.  

Una firma che ha scatenato la reazione della prima donna presidente della Georgia, Salome Zurabishvili, che sul suo profilo Facebook ha definito il trasferimento come "inaccettabile". Sui social, invece, c'è chi parla di tradimento.  

Le relazioni diplomatiche tra Mosca e Tbilisi si sono interrotte nel 2008, a seguito, tra le altre cose, del conflitto in Ossezia del Sud. Per questo la scelta dell'atleta di scendere sul parquet per difendere i colori del club russo, riconosciuto come "la squadra dell'esercito", non è stata accolta con favore all'interno del giovane Stato che si affaccia sulle rive del Mar Nero.

"Toko" Shengelia, 28 anni, capitano chissà ancora per quanto della nazionale georgiana, è reduce da sei anni passati nel campionato spagnolo tra le file del Baskonia di Vitoria, con cui ha vinto l'ultimo titolo, assegnato a fine giugno da parte di uno dei pochi campionati che ha ripreso dopo la pausa per il Covid-19.

"Non intendo giustificarmi. Giocherò a basket" ha detto Shengelia al canale televisivo Rustavi-2. "Questo non cambierà il mio rapporto con la Georgia e spero che non cambierà nemmeno l'atteggiamento del popolo georgiano nei miei confronti".