La preoccupante esplosione di una scarpa Nike durante una partita di basket

Un giocatore di Duke, squadra universitaria americana, considerato l'erede di LeBron, è crollato al suolo dopo che la scarpa ha ceduto sotto il suo peso. È stato costretto ad uscire malconcio dal campo, e la Nike crolla in borsa anche se parla di "caso isolato"

La preoccupante esplosione di una scarpa Nike durante una partita di basket 

La scarpa è "esplosa" sotto il peso dei suoi cento chili. E ora l'America è con il fiato sospeso. Da Obama a LeBron, sono arrivati centinaia di messaggi di incoraggiamento per Zion Williamson, il fenomeno della Ncaa che ieri sera, durante il match tra Duke e North Carolina, è stato tradito dalla suola di una scarpa: dopo appena 36 secondi di gioco, Williamson ha perso l'appoggio a causa della scarpa sinistra, la cui suola è saltata, finendo per allungarsi sul parquet in modo insolito e stirarsi il ginocchio destro.

Uscito dolorante, non è più rientrato. L'erede di LeBron rischia di restare fuori a lungo, proprio alla vigilia della fase decisiva per l'assegnazione del titolo universitario e del draft Nba in cui parte al numero uno. Brutto colpo d'immagine anche per la Nike, sponsor tecnico del torneo. Sui social sono arrivati messaggi d'affetto, a cominciare dall'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, presente in tribuna alla partita e ripreso dalle telecamere mentre, sorpreso, esclamava: "Gli si è rotta la scarpa". "Zion - ha scritto - appare come un giovane straordinario dentro e fuori dal campo, gli auguro di riprendersi presto".

LeBron, tifoso di Zion, gli ha postato su Twitter un messaggio: "Spero tu stia bene, amico. La sua scarpa e' letteralmente esplosa". Donoval Mitchell, stella di Utah, ha rincarato la dose: "Ricordo che nella Ncaa tutti guadagnano, meno chi muove tutto, cioè i giocatori. È il momento di cambiare le regole". 

La Nike, produttrice delle calzature, scrive Repubblica, ha avuto poi una giornata da incubo culminata con una seduta difficilissima (-2% a poco dalla chiusura) a Wall Street. "Si tratta di un caso isolato", ha detto la società, promettendo un indagine per scoprire le cause dell’incidente.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.