Gli odiatori, le 'avances' di Salvini, il futuro in politica: risponde Barbara D'Urso

In questa intervista la conduttrice racconta all’Agi perché il remix di Dolceamaro è un cult del mondo gay, perché lei piace al ministro leghista e perché si lancerà in politica (tra tanti anni, perché ora c’è solo la tv) 

odiatori salvini barbara d urso politica
Agf
Barbara D'Urso

Come se non le bastassero i quattro programmi di Canale 5 e i social in cui dispensa se stessa Barbara d’Urso, adesso si è messa a cantare, anzi a (ri)cantare. Con notevoli ambizioni, visto che  "Dolceamaro", viene presentato come "la prima collaborazione della coppia più esplosiva della televisione italiana". Cioè lei medesima (in modalità featuring) e Cristiano Malgioglio, il cantante opinionista del suo Grande Fratello 16, che la stakanovista di Canale 5 conduce insieme a "Pomeriggio Cinque", "Domenica Live" e "Live, non è la d’Urso". 

Un ritorno alle origini, visto che il brano è la versione moderna e remixata di "Dolceamaro", cantato dalla D’Urso nel 1980, quando aveva solo 23 anni e non sapeva ancora che sarebbe diventata una regina del piccolo schermo. Quel 45 giri, inciso per l’etichetta discografica Targa,  venne utilizzato anche come sigla di coda di Domenica in, dove d’Urso affiancava Pippo Baudo, poi venne inserito dal web nel filone del trashismo musicale e di pari passo divenne una hit dei locali gay. Un culto rainbow di cui la conduttrice, sottolinea all’Agi è sempre stata "molto orgogliosa". 

odiatori salvini barbara d urso politica
Agf
Barbara D'Urso

Malgioglio ha già detto che  la vostra canzone diventerà il tormentone dell’estate 2019, lei come la vede?

"Sono entusiasta, questo progetto ricalca un po’ quello di Raffaella Carrà con Bob Sinclar nel remix di "A far l’amore comincia tu". E tra poco renderemo pubblico anche uno strepitoso video diretto da Gaetano Morbioli, già artefice di videoclip per Giorgia, Fiorella Mannoia e tra gli altri Tiziano Ferro. Però per me è un gioco, una versione moderna della mia unica esperienza musicale: ero una ragazza e quel brano è sorprendentemente diventato una hit iconica, soprattutto nel mondo gay, trasmessa in locali come il Plastic di Milano. Lo conosce un po’ tutto il mondo omosessuale, e questo mi inorgoglisce parecchio, ma è stato cantato anche da scolaresche, la rete è piena di video con interpretazioni varie". 

L’aveva riproposto anche  nel 2017, esibendosi sul palco del Gay Village con Pino Strabioli, quando, circondata da ballerini a torso nudo cantava il  ritornello trash "Non finire, adesso proprio non finire, rimani ancora un po’ a sognare, ti prego ancora no amore", col pubblico in delirio… 

"Io mi sono sempre battuta per i diritti civili, da anni sono a fianco dei gay e  recentemente mi sono spesa contro  il congresso delle famiglie di Verona". 

Però al suo Grande Fratello 16, come se non bastasse la diffida di Cristiano De Andrè contro la partecipazione della prole,  ha arruolato tra i concorrenti il farmacista dietologo dei vip Alberico Lemme, poco politically correct sia verso i gay, sia verso le donne… 

"Ma Lemme fa il pagliaccio, è un furbacchione, quando dice "testa di donna" è evidente che scherza, lo fa ridendo. E quelli che lo criticano in pubblico, magari poi vanno nel suo studio in privato. Semmai sono più gravi le affermazioni sulla sua indifferenza all’eventuale morte dei suoi figli, dichiarata in una puntata del Grande Fratello tant’è che ha avuto un richiamo ufficiale".

Il suo nuovo programma ha un fan politico, il vicepremier Matteo Salvini, che ha appena esternato la sua passione scrivendo in un tweet vergato durante la serata dell’incendio a Notre Dame, che il Grande Fratello lo rilassa. È un endorsement che le piace o la preoccupa?

"Non può che farmi piacere, visto  che il GF conduco io.  E poi i miei programmi sono bipartisan, da me è venuto un po’ tutto l’arco costituzionale. Scelgono le mie trasmissioni perché sono accogliente, ma non mi considero certo una spa. Dico le cose in modo gentile ma li incalzo, con Renzi ad esempio mi ero spesa molto per i diritti civili". 

Ma essendo così apprezzata dai politici e così popolare in tv come sui social, non è stata mai corteggiata per una candidatura? 

"Mi hanno chiesto più volte di candidarmi, ma per ora  io mi dedico al mio pubblico, in fondo ho ancora tanti anni davanti a me per farlo. Non lo escludo, in un lontano futuro. Oggi amo più di ogni cosa la tv".  

E se per un (improbabile) caso della vita un giorno dovesse farne a meno? 

"Andrei in crisi d’astinenza, non tanto per la tv in sé, quanto per il rapporto con il pubblico, io ho bisogno della gente". 

La cosiddetta gente, però, ogni tanto le dà dei dispiaceri,  anche lei ha un bel seguito di odiatori. Nell’ ultima puntata del GF, andata in onda nella stessa serata del rogo di Notre dame, l’hanno rimproverata per essersi presentata in trasmissione avvolta in un boa di struzzo e per aver ignorato l’incendio. Come mai ce l’hanno così con lei?

"In realtà  dopo un blocco pubblicitario ho rivolto un pensiero "alla Francia e a tutti i pompieri ed i cittadini impegnati nel salvare la splendida Cattedrale di Notre Dame".  Ma gli odiatori esistono, attratti soprattutto da quelli come me che hanno una personalità forte, e non si scagliano solo verso chi lavora in tv. Comunque va bene così, perché sarebbe noioso piacere a tutti. E per quando riguarda la puntata del GF nella serata di Notre Dame, Il Grande Fratello è un programma di intrattenimento e deve fare una trasmissione di lustrini, così come il Tg1 deve fare servizio pubblico. Il giorno dopo, nel mio Pomeriggio Cinque mi sono occupata a lungo dell’incendio di Notre Dame, perché quella è una trasmissione di cronaca, era quello il luogo adatto per parlarne. E comunque il mio dolore l’avevo comunicato sui social. Se poi mi si vuole criticare perché al GF indossavo un abito piumato e non un saio, beh, facciano pure". 

A proposito di personalità forti, il GF la settimana prossima anziché andare in onda lunedì, si scontrerà martedì con l’esordio del talent The Voice di Raidue, condotto da un’altra personalità forte come Simona Ventura… 

"Sono contenta di andare in onda martedì, ma non per lo scontro con la Ventura, ognuno fa il proprio lavoro. Anche se mi ricordo che nel 2004 il mio Grande Fratello battè la terza serata del Festival di Sanremo condotto da lei. Questa volta magari vincerà the Voice e saremo uno pari". 

Ma delle amiche-colleghe ce le ha? 

"Non sono in guerra con nessuna ma ho neanche rapporti con nessuna, perché con tutte le mie trasmissioni non ne ho proprio il tempo. Ho molta stima di Maria De Filippi, e con lei ci sentiamo per telefono, ci scriviamo, come con Silvia Toffanin". 

Tra tv, social e adesso pure la musica po’ di tempo per lei le resta? 

"No, ultimamente ho dovuto rinunciare anche alla danza, che facevo al mattino. E mi manca, perché quando alleni il tuo corpo ti senti meglio. Ora alleno la testa".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.