Euripide vuole andare in scena, dopo 2500 anni e nonostante il virus

Euripide vuole andare in scena, dopo 2500 anni e nonostante il virus

È ancora 'possibile' la stagione classica al Teatro greco di Siracusa, che da oltre 100 anni fa risuonare le parole dell'antica Grecia

teatro greco siracusa coronavirus

Ifigenia non abbraccerà Oreste, ma il Teatro Greco di Siracusa non vuole rinunciare alla forza della parola, pronunciata 2.500 anni fa e che da 100 risuona in Sicilia. “L’Italia è cultura, la cultura è centrale ed è sempre presente anche quando non sembra esserlo, prontissima a sfavillare nuovamente a ogni livello, in ogni geografia, in ogni luogo a ad ogni ora”: Antonio Calbi, sovrintendente della Fondazione Inda, l’istituto del dramma antico di Siracusa, ritiene che la Fase 2 dell’Italia debba ripartire proprio dalla cultura e considera ancora possibile la stagione classica al Teatro Greco di Siracusa, in forte dubbio per l’emergenza Covid19.

La data di inizio delle rappresentazioni è slittata al 28 maggio ed in programma vi sono due tragedie Baccanti Ifigenia in Tauride, entrambe di Euripide, e la commedia Le Nuvole di Aristofane. “I tempi verranno dettati – spiega Calbi all’AGI - dai decreti e dalle modalità di partecipazione agli spettacoli dalle prescrizioni e noi ci adegueremo. Dobbiamo tenere conto che per provare uno spettacolo ci vogliono almeno quattro settimane, e altrettante per attrezzare il Teatro Greco. Non ci è dato sapere ora le modalità di partecipazione agli spettacoli. Siamo un teatro all’aperto e dunque immaginiamo prescrizioni diverse, forse meno rigide, rispetto a quelle per un teatro al chiuso, che ha pure l’aria condizionata. Stesso discorso vale per le mascherine: se verranno prescritte saranno adottate e gli spettatori saranno fatti entrare solo se rispettano le regole che ci verranno date. La salute e la vita delle persone viene prima di ogni cosa”.

Oltre al problema di come  assistere agli spettacoli, l’altro nodo è rappresentato dalle modalità di recitazione e dalla stessa regia. “No sta a noi  decidere le regole da rispettare. Saranno i decreti a dettarle. Una volta che saranno diffuse le valuteremo e cercheremo i modi di soddisfarle. Faremo il massimo  - dice Antonio Calbi -  sforzo per salvare le produzioni e la stagione e gli artisti sono disponibili a trovare le soluzioni più efficaci sul piano artistico e che soddisfino le prescrizioni. Non mi sento di escludere a priori la possibilità che si vada in scena: se Ifigenia non potrà abbracciare “fisicamente” suo fratello Oreste, le parole possono fare tanto e anche in teatro esiste una grammatica, al pari del montaggio nel cinema, cui concorrono tanti elementi per lo sviluppo della drammaturgia e della sequenza scenica. Gli artisti sono creativi anche davanti a limiti e precetti, sapranno inventarsi le soluzioni giuste, le più originali e inattese, ne sono certo”.

La stagione classica è certamente inserita nella filiera del turismo, a Siracusa, per cui il buon andamento degli spettacoli condizionerà le entrate degli albergatori. “Il sindaco di Siracusa, Francesco Italia, è di diritto il presidente della Fondazione Inda - aggiunge Calbi - come Beppe Sala lo è alla Scala a Milano, dunque il rapporto fra Comune e Fondazione è serrato. Con gli albergatori siamo in continuo contatto per mettere a punto una strategia comune di ripartenza che possa offrire il meglio ai turisti che sceglieranno Siracusa per le loro vacanze e il Teatro Greco per regalarsi una esperienza sociale e culturale unica al mondo”.

'Ifigenia', dal canto suo, vuole andare in scena. “Non stiamo ancora provando – spiega all’AGI Anna Della Rosa, che la interpreta nella tragedia di Euripide - se per prove si intende quel periodo in cui ci si ritrova fisicamente tutti insieme in una sala a lavorare, ma in questi mesi c’è stato un bellissimo e molto ricco e stimolante dogo con Jacopo Gassmann, il regista di Ifigenia in Tauride, e ho studiato e sto  studiando, leggendo, immaginando un lavoro per me affascinante e molto utile di avvicinamento a un testo nuovo; è come prepararsi a un grande viaggio, leggi guide, resoconti di altri viaggiatori, ascolti la musica del luogo, i poeti di quella terra e le tragedie classiche e Ifigenia sono testi straordinarie, terre tutte da esplorare per gli artisti che vi lavorano e per gli spettatori che vorranno assistervi”.

E poi c’è il problema dell’assembramento, determinante ai fini del contagio, che potrebbe cambiare lo stesso modo di recitare. “Non so quali saranno le indicazioni – dice Anna Della Rosa -  per poter svolgere il nostro lavoro in sicurezza, se ce lo permetteranno, se dovremo stare distanti fra noi, sicuramente so che la potenza delle parole della tragedia greca in generale e di Ifigenia in particolare - pensiamo al tema dei fratelli lontani che non si possono seppellire, alla peste che incombe su una città - ora più che mai risuona vibrante e struggente e vitale”.