Ermal Meta e Fabrizio Moro sospesi dalla gara, ma il loro brano è primo in radio

Le rilevazioni del sito Sanremo.RadioAirplay, che monitora l’andamento della kermesse canora

Ermal Meta e Fabrizio Moro sospesi dalla gara, ma il loro brano è primo in radio
 Facebook
 
 Fabrizio Moro e Ermal Meta

Nella seconda serata del Festival di Sanremo Ermal Meta e Fabrizio Moro sono stati sospesi dalla gara dopo le accuse di plagio per il loro brano “Non mi avete fatto niente”. La tesi è che avrebbe troppi punti in comune con “Silenzio”, canzone presentata a Sanremo Giovani nel 2016, scritta dallo stesso autore Andrea Febo ma scartata e mai commercializzata. “Non mi avete fatto niente” però piace e lo dimostrano i passaggi in radio rilevati dal monitoraggio del sito Sanremo.radioairplay che piazza il duo al primo posto tra gli artisti del Festival più ascoltati in radio. E mentre la Commissione indaga sul caso, Meta e Moro scrivono su Facebook: "Assurdo parlare di plagio, non siamo venuti al festival per prendere in giro la gente ma per abbracciarla”.

Al secondo posto c’è Lo Stato sociale con “Una vita in vacanza”, al terzo Annalisa con “Il mondo prima di te”, al quarto i Kolors con “Frida (mai, mai, mai) che scendono di tre posizioni rispetto a mercoledì mattina. Chiudono la cinquina Le Vibrazioni con “Così sbagliato”.

Agli ultimi tre posti della classifica dei big troviamo Elio e le Storie Tese, alla 18esima posizione con “Arrivedorci”, Renzo Rubino con “Custodire” e, ultimi, Enzo Avitabile e Peppe Servillo con “Il coraggio di ogni giorno”.

Tra le nuove proposte rimonta Mudimbi, che con “Il Mago” si piazza al primo posto. Seguono Ultimo con “Il ballo delle incertezze”, Eva con “Cosa ti salverà”, Lorenzo Baglioni con “Il congiuntivo” e Alice Caioli con “Specchi rotti”.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it