Il Circo Massimo in festa per la prima di Zerosettanta (+2)

Il Circo Massimo in festa per la prima di Zerosettanta (+2)

Più di tre ore di musica, ospiti, cambi di costume colorati davanti a 15 mila 'sorcini' in visibilio per l'artista romano

renato zero circo massimo

© Maria Laura Antonelli/AGF - Renato Zero

AGI - Più di tre ore di musica, ospiti, cambi di costume colorati e un pubblico di 15 mila presenze sono gli elementi della prima data del Zerosettanta(+2) che ha aperto le sei date al Circo Massimo in cui Renato Zero, oltre a festeggiare un compleanno speciale, ripercorrerà 55 anni di carriera.

In apertura l'artista romano ha regalato al suo pubblico il brano "Quel bellissimo niente" dedicato al suo pubblico, il cui testo è stato sparato in aria in piccoli foglietti di carta, che recita "quante vite mi hai lasciato vivere. Ci sei stata da sempre mia bellissima gente".

Tanti gli ospiti sul palco: Jovanotti, Fabrizio Moro che gli ha donato il cappello indossato al suo primo concerto al Palalottomatica, e poi Giorgio Panariello, i Neri per caso, Morgan che hanno duettato con lui, ripercorrendo i successi dell'artista romano. In alcuni momenti sul palco oltre all'orchestra 070 diretta da Pennino e al coro, si è esibito anche un corpo di ballo di 23 elementi.

Più di tre ore di musica, ospiti, cambi di costume colorati e un pubblico di 15 mila presenze sono gli elementi della prima data

Dal maxi schermo alle sue spalle non sono mancati gli omaggi a pezzi della sua carriera, a Roma, al cinema di Charlie Chaplin, uno spezzone di un film di Tim Burton accompagnato proprio da un suo brano, i suoi costumi che lo hanno reso famoso in una serata omaggio a una straordinaria carriera.

La festa prosegue per altre cinque date tutte sold out (24,25, 28, 30 settembre e 1 ottobre) per la prima volta nella cornice del Circo Massimo per uno spettacolo che ogni sera si presenterà diverso come ha spiegato lo stesso artista ai giornalisti "ho fatto una scelta di base di un certo numero di brani e poi per soddisfare l'appetito di quelli che vengono più di una sera, ho voluto strafare inserendo brani che vanno ad insidiarsi nella sfera di quelli originali e dei medley che tracciano un percorso più ricco. Ogni sera è diversa con brani cardine, che si sono inseriti più di altri nel quotidiano".