Anche Joni Mitchell rimuove la sua musica da Spotify

Anche Joni Mitchell rimuove la sua musica da Spotify

La cantante folk segue la stessa strada di Neil Young. Oggetto della discordia il podcast di Joe Rogan accusato di appoggiare tesi smaccatamente no-vax

joni mitchell toglie musica spotify no vax podcast

© JEFF HAYNES / AFP - Joni Mitchell

AGI - Anche Joni Mitchell, dopo Neil Young, ritira la sua musica da Spotify perché non vuole condividere la piattaforma con "The Joe Rogan Experience", uno dei più seguiti podcast del palinsesto statunitense, accusato di diffondere notizie false riguardo l'emergenza sanitaria, appoggiando tesi smaccatamente no-vax.

Mitchell, una delle voci più importanti del folk, vincitrice di otto Grammy Awards, si è schierata con i quasi 300 scienziati che qualche settimana fa avevano avvertito Spotify di favorire la diffusione di messaggi che "danneggiano la fiducia" nella ricerca medica. "Ho deciso di rimuovere tutta la mia musica da Spotify. Persone irresponsabili stanno diffondendo bugie che costano la vita alle persone. Sono solidale con Neil Young e la comunita' scientifica e medica globale".

La decisione di Mitchell di ritirare il suo catalogo musicale dalla principale piattaforma di musica in streaming arriva in un giorno molto importante, in quanto l'artista proprio oggi avrebbe dovuto ricevere il premio Grammy Person of the Year in una cerimonia che e' stata posticipata ad aprile a causa del coronavirus.

Neil Young ha già rimosso la sua musica da Spotify per lo stesso motivo: "Spotify e' diventata la sede di una pericolosa disinformazione sul covid. Bugie vendute per soldi", ha denunciato, incoraggiando altri musicisti a prendere le distanze dalla piattaforma.