Dai primi album all'amore con Kim Kardashian, chi è Kanye West, “il provocatore”

Ricchissimo, ama scatenare le polemiche. Come quando parla della schiavitù in America

Dai primi album all'amore con Kim Kardashian, chi è Kanye West, “il provocatore”
Larry Busacca / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP 
 Kanye West 

Kanye West ama far parlare di sé. E quando non lo fa con i milioni di dischi venduti o con la moglie Kim Kardashian, le cui vicende riempiono i giornali di gossip, West rilascia una delle sue ormai famose interviste provocatorie.  Come l’ultima, quella a TMZ, in cui ha dichiarato che i “400 anni di schiavitù americana sono stati una scelta”.

Prima ancora era finito nel bel mezzo di una bufera mediatica per il suo endorsement al presidente Donald Trump.

Ma chi è Kanye West? Su un ipotetico bigliettino da visita non basterebbe lo spazio: a 40 anni, West viene presentato come “musicista, beatmaker, rapper, produttore discografico, cantautore e stilista statunitense”.

Apprezzato dalla critica, il rapper ha inciso 7 album in studio per i quali ha ottenuto 11 Grammy Awards. Ma soprattutto, con oltre 30 milioni di brani venduti solo negli Stati Uniti, West è uno degli artisti che ha venduto di più sulle piattaforme digitali.

Dai primi album all'amore con Kim Kardashian, chi è Kanye West, “il provocatore”
EZRA SHAW / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP 
 Kanye West

Alla notorietà è arrivato agli inizi degli anni 2000 grazie alla produzione di singoli di successo per artisti hip-hop e R&B, tra i quali:

  • Jay-Z
  • Talib Kweli
  • Cam'ron
  • Alicia Keys
  • Janet Jackson
  • John Legend

Ma il suo posto era sul palco. E il tempo gli ha dato ragione: West ha, secondo Forbes, un patrimonio stimato di 100 milioni di dollari ottenuto soprattutto dai suoi successi musicali.

L’infanzia (borghese) a Chicago

Afroamericano, Kanye West è nato l’8 giugno del 1977 ad Atlanta, in Georgia. Ma a soli tre anni, a seguito del divorzio dei genitori, lui e sua madre si trasferirono a Chicago, nell'Illinois. Suo padre, Ray West, è stato un membro dei Black Panther, il gruppo rivoluzionario afroamericano, e uno dei primi fotogiornalisti neri al “The Atlanta Journal-Constitution”

Sua madre, Dr. Donda West, è stata professoressa di inglese alla Clark Atlanta University, e preside del Dipartimento di Inglese alla Chicago State University prima di diventare la manager del figlio. Kanye è cresciuto in un contesto borghese, ha frequentato corsi d'arte presso l'American Academy of Art di Chicago e alla Chicago State University, da cui si è ritirato per potersi concentrare sulla sua carriera musicale.

Dai primi album all'amore con Kim Kardashian, chi è Kanye West, “il provocatore”
Kenye West Kim Kardashan (twitter)

L’amore e i figli con Kim Kardashian

Chi non segue la sua carriera, lo conosce per il suo matrimonio con Kim Kardashian, “socialite” (come la definiscono gli americani), diventata celebre per il fatto di essere una ricca ereditiera, per un sex tape e per la sua partecipazione al reality show “A spasso con le Kardashian”, che raccontava le vicende della sua famiglia. Kim è, infatti, figlia di Robert Kardashian, avvocato e imprenditore statunitense di origini armene, morto nel 2003 e conosciuto principalmente per aver difeso amico di O.J. Simpson.

Nata a Los Angeles nel 1980, Kim ha sposato Kanye il 24 maggio del 2014 al Forte Belvedere di Firenze. La coppia ha tre figli: North "Nori", nata il 15 giugno 2013; Saint, nato il 5 dicembre 2015 e Chicago, nata da madre surrogata il 15 gennaio 2018.

Se c’è qualcosa che a Kim riesce particolarmente bene è monetizzare la sua immagine: secondo le ultime stime di Forbes "i suoi guadagni sono quasi raddoppiati dai 28 del 2014, ai 53 milioni del 2015”. Gran parte del suo reddito include i guadagni all'ingrosso della linea Sears, la Kardashian Kollection, che vanta 600 milioni di dollari nel 2013 e la linea cosmetica Kardashian Beauty, prodotti abbronzanti, così come messaggi sponsorizzati sulle sue pagine Instagram e Twitter, il cui valore varia da 10.000 a 25.000 dollari a post.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it